British Petroleum raccoglie 50 miliardi di dollari

di Stefania Russo 1

Il disastro della marea nera causato dal crollo della piattaforma nel Golfo del Messico ha causato danni ambientali incalcolabili, lo stesso..

Il disastro della marea nera causato dal crollo della piattaforma nel Golfo del Messico ha causato danni ambientali incalcolabili, lo stesso Presidente degli Stati Uniti Barack Obama lo ha definito paragonabile per gravità all’attentato dell’11 settembre 2001 alle Torri Gemelle.

I danni derivano anche e soprattutto dal fatto che a distanza di quasi due mesi dal crollo i numerosi tentativi posti in essere dalla compagnia petrolifera per cercare di arginare i danni non hanno dato alcun esito positivo, anzi, la situazione va peggiorando di giorno in giorno.


L’incidente rappresenta un duro colpo non solo per l’ecosistema e per le popolazioni che abitano nelle zone colpite dal disastro, ma anche e soprattutto per British Petroleum che dovrà sborsare cospicui risarcimenti a favore della popolazione locale, che vive soprattutto di turismo e attività ittiche, fonti di sostentamento irreparabilmente danneggiate dall’incidente.

E’ evidente, dunque, che nei prossimi mesi la compagnia petrolifera sarà chiamata a sborsare ingenti somme di denaro, per non parlare dei costi che ha sostenuto e che sta ancora sostenendo per cercare di arginare i danni provocati dal crollo della piattaforma. Proprio per questo motivo, quindi, i vertici del gruppo hanno deciso di muoversi preventivamente e di raccogliere 50 miliardi di dollari, in particolare verranno emessi bond per 10 miliardi, verrà chiesto alle banche un prestito da 20 miliardi e nei prossimi due anni verranno venduti asset per 20 miliardi.

La notizia è stata riportata dall’edizione domenicale del Times, i vertici del gruppo hanno però deciso di non commentare l’indiscrezione di stampa.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>