Berloni, Taiwan porta capitale fresco

di Carlo Valuta Commenta

È stata consegnata al Tribunale di Pesaro il provvedimento giurisdizionale di omologa, che permetterà alla nuova Berloni group e ai soci Taiwanesi di avviare in via definitiva l’acquisizione del ramo di azienda. Sono stati nominati anche i liquidatori del complesso industriale marchigiano, che eserciteranno sotto il controllo dei commissari giudiziali già nominati Alessandro Bisetti, Enrico Vantaggi e Arturo Pardi. Nominato anche il comitato dei creditori.

Andamento mercati azionari dopo i dati asiatici

Nel comunicato la Berloni  spiega: «Preso atto della situazione finanziaria della nuova società e della gestione della prima fase di attività i soci hanno deciso di procedere alla ridefinizione della compagine sociale. L’obbiettivo è il pieno rilancio del marchio Berloni e dell’attività della nuova società. I partner taiwanesi, rappresentati da Michael Chiu, vice-presidente della Hcg, con sede principale a Taiwan, e da Alex Huang, amministratore delegato della multinazionale Thermos, con sede principale negli Stati Uniti d’America, proprietari del 50% del capitale della nuova società, tenendo conto dell’esigenza di continuità della tradizione del marchio e della gestione dello stabilimento produttivo con sede a Pesaro, hanno proposto alla famiglia Berloni, già intestataria del 6% delle quote societarie, un maggior coinvolgimento sia a livello di partecipazione azionaria che di governance della nuova società».

Analisi mercato Commodities, scenari per il 2014

«Il piano di rilancio di uno dei più conosciuti marchi di cucine riprende nuovo vigore con prospettive di ripresa già nel corso del 2014. A ciò si aggiungono i nuovi sbocchi che si stanno aprendo su mercati in forte espansione, Asia e America in particolare. La società conta di poter recuperare nel corso del prossimo triennio il livello di fatturato conseguito nel corso dell’ultimo esercizio in attivo di Berloni spa». E concludono: «I soci della Berloni ringraziano le autorità cittadine e i commissari, il giudice e il tribunale di Pesaro».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>