Come difendere gli investimenti

di Filadelfo Scamporrino Commenta

Bot, azioni ed obbligazioni societarie. In tempi di crisi i prezzi scendono, ed ancor di più in questa fase caratterizzata dall’attacco speculativo, più o meno fondato, sul nostro Paese.

Bot, azioni ed obbligazioni societarie. In tempi di crisi i prezzi scendono, ed ancor di più in questa fase caratterizzata dall’attacco speculativo, più o meno fondato, sul nostro Paese. In particolare, per le azioni a Piazza Affari molte quotazioni appaiono sacrificate, a partire dai titoli dei grandi gruppi bancari, ma non è detto che i corsi non possano scendere ancora.

Questo perché il mercato sta probabilmente scommettendo sullo scenario peggiore possibile, ragion per cui chi non ha un profilo di rischio compatibile con l’investimento in azioni farebbe bene a continuare a starne alla larga. Diverso è invece il discorso per i Buoni Ordinari del Tesoro (Bot), che offrono la sicurezza massima, quella offerta dello Stato italiano; in questo caso i risparmi potrebbero essere a rischio solo in caso di default dell’Italia, ma trattasi di un’eventualità che non si verifica comunque dall’oggi al domani.



TITOLI AZIONARI CONSIGLIATI DA EXANE BNP PARIBAS

Ed in ogni caso i Buoni ordinari del Tesoro individuano titoli pubblici a breve termine comunque liquidabili e negoziabili sul MOT, il Mercato Obbligazionario Telematico, tutti i giorni di Borsa aperta. Per difendere gli investimenti c’è poi come possibile strada da seguire quella dei conti di deposito remunerati.

CONTO DEPOSITO CON LO SCONTO SULLE TASSE

In Italia questi prodotti sono “protetti” dal Fondo interbancario di tutela dei depositi per un controvalore pari a poco più di 100 mila euro per ogni intestatario. Ed in ogni caso, se si scelgono questi prodotti, è sempre bene puntare su quelli offerti dalle banche più solide.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>