Come Investire nelle materie prime

di Stefania Russo 1

Negli ultimi due anni i prezzi del petrolio, dell'oro e delle materie prime sono stati caratterizzati da una notevole volatilità, circostanza che è dipesa..

 

Negli ultimi due anni i prezzi del petrolio, dell’oro e delle materie prime sono stati caratterizzati da una notevole volatilità, circostanza che è dipesa soprattutto dall’elevato livello di incertezza sulle condizioni dell’economia mondiale. Se da una parte, infatti, la crisi economica e finanziaria ha fatto calare la domanda da parte dei Paesi sviluppati, dall’altra è continuata la speculazione degli investitori, interessati non alle merci ma all’andamento delle loro quotazioni in Borsa, tra questi primo tra tutti la Cina che anche durante la crisi ha continuato ad acquistare scorte di materie prime.Negli ultimi due anni, in particolare, la speculazione sembra aver preso il sopravvento soprattutto in alcuni mercati come il petrolio, del resto investire sulle materie prime per diversificare i rischi del proprio portafoglio finanziario è una strategia utilizzata già da tempo.
Nonostante la volatilità dei prezzi registrata negli ultimi due anni si continua a ritenere che dedicare una parte deil proprio portafoglio di investimenti alle materie prime sia una buona idea, queste fanno parte infatti dei cosiddetti “investimenti alternativi”, ovvero quegli investimenti che in teoria dovrebbero avere un valore del tutto indipendente dall’andamento dei mercati azionari, nonchè rappresentare un rifugio sicuro in caso di fasi turbolente, anche se è evidente che questa è una teoria che negli ultimi due anni è stata messa a dura prova.


Per quanto riguarda l’oro, in particolare, non tutti sanno che le banche centrali di tutti i Paesi hanno una parte delle loro riserve in oro, questo serve per proteggersi dall’eventuale svalutazione del dollaro, per questo sono in molti a considerare l’oro un investimento sicuro, cosa che però non possiamo affatto affermare visto che non esistono investimenti sicuri in assoluto.

In questo periodo sono davvero tanti gli investitori che stanno ricorrendo alle materie prime perchè sicuri che ci sarà un forte rialzo delle relative quotazioni, proprio come è già accaduto negli anni ’70, in ogni caso gli esperti consigliano cautela, è piuttosto rischioso infatti investire su un determinato bene dopo che il suo prezzo è già risalito di parecchio.

Tuttavia per chi intende diversificare i propri investimenti scommettendo sulle materie prime il consiglio è quello di puntare ai fondi comuni specializzati in azioni di aziende che guadagnano con i rialzi delle materie prime, tra cui compagnie minerarie e petrolifere; agli Etf, ossia fondi che seguono l’andamento di un indice di Borsa e che vengono quotati come se fossero azioni; agli Etc, fondi quotati come azioni ma che rimandano a contratti future o al possesso del bene fisico.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>