Investimenti nelle materie prime 2011

di Redazione Commenta

Sono numerosi gli esperti convinti del fatto che gli investitori dovrebbero riservare una parte del proprio portafoglio di investimenti alle materie prime..

Sono numerosi gli esperti convinti del fatto che gli investitori dovrebbero riservare una parte del proprio portafoglio di investimenti alle materie prime. Investire nelle commodities, infatti, rappresenta un’ottima strategie di difesa in forza del fatto che i prezzi delle materie prime sono destinati a salire per via delle limitate possibilità di accrescere l’offerta in vista di un aumento costante della domanda.


Gli economisti di JP Morgan, in particolare, stimano che nel corso del prossimo decennio le quotazioni di un paniere di metalli di base per uso industriale composto da acciaio, rame e piombo potrebbe crescere ad una media del 7,5% annuo. A spingere al rialzo le quotazioni sarebbe soprattutto il costante aumento della domanda proveniente dalla Cina, che secondo una recente stima copre addirittura il 40% del consumo globale di questi beni.

Dopo le turbolenze politiche che nel corso degli ultimi giorni hanno interessato Libia ed Egitto, tuttavia, l’attenzione degli analisti e degli investitori è puntata soprattutto sul greggio, che nel corso degli ultimi giorni ha superato i 110 dollari al barile. Nonostante questo gli esperti di JP Morgan si sono detti convinti che nel corso dei prossimi due anni il prezzo del greggio non supererà la media dei 100-110 dollari al barile.

Investire nelle materie prime, tuttavia, serve soprattutto a difendere il valore del proprio portafoglio finanziario dal rischio inflazione, proteggendolo in maniera adeguata in caso di un repentino e improvviso aumento del costo del denaro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>