Pirelli Re fissa le condizioni di aumento di capitale

di Stefania Russo Commenta

Dopo aver ottenuto il via libera dalla Consob il consiglio di amministrazioni di Pirelli Re ha fissato le condizioni relative all'aumento di..

Dopo aver ottenuto il via libera dalla Consob il consiglio di amministrazioni di Pirelli Re ha fissato le condizioni relative all’aumento di capitale deciso dall’assemblea lo scorso 17 Aprile.

Tali condizioni prevedono l’emissione di azioni ordinarie del valore nominale di 0,50 euro ciascuna che verranno offerte agli azionisti Pirelli RE in base al numero di azioni possedute. In particolare, per ogni 7 azioni già possedute sarà possibile sottoscrivere 135 nuove azioni e ciascun azionista potrà esercitare il proprio diritto di opzione a partire dal 15 giugno 2009 fino al 3 luglio 2009.


L’operazione comporterà l’emissione di un massimo di 798.574.564 nuove azioni per un aumento del capitale sociale di ammontare pari a 399,3 milioni di euro. Entro la giornata di domani verrà pubblicato il prospetto informativo relativo all’operazione.

In questa operazione gli istituti bancari che fungono da “placement agent” sono Deutsche Bank, Banca Imi, Morgan Stanley e UniCredit.


L’azionista di controllo Pirelli & C. S.p.A., inoltre, ha fatto sapere che eserciterà tutti i diritti di opzione che gli spettano come titolare del 56,45% del capitale di Pirelli RE, nonchè tutte quelle azioni che al termine dell’operazioni non risultano essere state sottoscritte da nessun azionista.

Questa manovra di aumento di capitale rientra nel piano industriale 2009-2011 prospettato dalla società, un piano che ha come scopo principale quello di rafforzare la società e la sua posizione sul mercato, nonchè quello di rafforzare la struttura patrimoniale andando così a ridurre l’indebitamento societario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>