Il forex è tassabile secondo il fisco

di Alessandro Bombardieri Commenta

Il forex è tassabile secondo quanto stabilito dal fisco.

Il forex è tassabile secondo quanto stabilito dal fisco. La negoziazione sul forex porta a creare rapporti finanziari, che da un evento incerto, fanno dipendere differenziali positivi o negativi.

Perciò hanno rilevanza reddituale le plusvalenze effettuate grazie alla compravendita di valute a pronti attraverso i contratti chiamati rolling spot. Praticamente tutte le operazioni overnight, quelle che durano più sedute.

Con la risoluzione n. 67/E del 6 luglio, l’Agenzia delle Entrate, ha chiarito il corretto trattamento fiscale da applicare ai differenziali positivi e negativi prodotti da negoziazioni sul mercato Forex.

In particolare le operazioni di compravendita del Forex sono in sostanza dei veri e propri contratti firmati online, sui quali il cliente ordina la chiusura delle operazioni giornaliere e di riapertura della posizione per il giorno successivo, i cosiddetti rolling spot.

Le plusvalenze realizzate con contratti rolling spot devono essere dichiarate nella sezione II del quadro RT di Unico e scontano l’imposta sostitutiva nella misura del 12,50%.

Non sono deducibili le minusvalenze e i differenziali negativi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>