Petrolio scende a 73,34 dollari al barile

di Francesco Di Cataldo Commenta

Secondo l'Iran il giacimento definito col nome Well 4 è di loro proprietà perchè il petrolio dovrebbe sgorgare aldilà del confine..

E’ scambiato a 73,34 dollari al barile il petrolio sui principali contratti dei futures americani. In questi giorni sono avvenuti alcuni rimescolamenti del prezzo del greggio dovuto anche alla disputa iniziata giovedi per il possesso di un giacimento al confine tra Iran e Iraq.

Secondo l’Iran il giacimento definito col nome Well 4 è di loro proprietà perchè il petrolio dovrebbe sgorgare aldilà del confine, ma di fatto tale giacimento è sfruttato dall’Iraq.


Lo scorso giovedì alcuni esponenti di Teheran hanno preso il possesso di Well 4 piantando anche la bandiera iraniana rivendicando così il possesso di tale giacimento.

Subito sono intervenute le truppe iraquene che hanno difeso il proprio territorio. Il giacimento è conteso per essere situato solamente a 100 metri dal confine e secondo il governo iraniano il petrolio che vi è sotto appartiene all’Iran.


Nelle scorse ore le truppe iraniane composte da circa 12 persone sono ritornate nel proprio territorio. La situazione però pare non spaventare il mercato del petrolio nè tantomeno i mercati internazionali. La vicenda è vista come un problema interno assolutamente poco coinvolgente ed è per questo che il prezzo del greggio non ha subito forti scossoni.

Ciò non toglie che questo è un periodo particolare per il prezzo del greggio poichè l’occidente è coinvolto da un’ondata di freddo intenso che fa consumare ingenti quantità di energia oltre alle festività natalizie che metterà sulle strade milioni di veicoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>