Veneto Banca Opa su Banca Intermobiliare

di Alessandro Bombardieri Commenta

Banca Intermobiliare sta per essere acquisita da Veneto Banca...

Banca Intermobiliare sta per essere acquisita da Veneto Banca, attraverso un’operazione che prevede la fusione di Cofito (che controlla il 52% di Bim) per incorporazione in Veneto Banca Holding.

La stessa Veneto Banca Holding lancerà poi un’opa obbligatoria sull’istituto torinese a 4,25 euro per azione in contanti.

Il titolo di Banca Intermobiliare ha reagito molto bene a Piazza Affari alla notizia, chiudendo la giornata di ieri in rialzo del 4,87% a quota 4,2 euro per azione.

Ad oggi al primo posto dell’azionariato di Cofito c’è Veneto Banca con una quota del 40%, seguita dalla Mi.Mo.Se della famiglia Segre (15%), da Ma.Va dei Giovannone (15%), Pietro D’Aguì (7,94%), Ivana Martino (7,06%), Mario Scanferlin (3,17%), Carla Fagherazzi (2,90%), Anna Scanferlin (3,00%), Marco Scanferlin (2,91%) e Giacomo Scanferlin (3,02%).

L’opa dovrebbe terminare entro la fine dell’anno in corso, e dovrebbe portare Veneto Banca al 55% del capitale di Bim con l’Ad Pietro D’Aguì che acquisirà il 10% del capitale dell’istituto torinese dalla stessa Veneto Banca.

Comunque Veneto Banca Holding ha assicurato che non ridurrà la propria partecipazione in Banca Intermobiliare al di sotto del 50,01%, mantenendo così le azioni Bim quotate sul mercato.

Banca Intermobiliare terrà sede a Torino ed anche l’attività di direzione rimarrà nel capoluogo piemontese. I Cofito si sono già impegnati a votare a favore del progetto di fusione mentre i Segre (la holding di famiglia Mi.Mo.Se) vogliono esercitare il diritto di recesso dalla Cofito stessa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>