Possibile scivolone dell’argento

di Gianni Puglisi Commenta

I possibili andamenti dell'argento per le prossime settimane.

Dopo la caduta registrata a fine aprile, verificatasi soprattutto a causa dei margini aumentati artificiosamente dal CME, il prezzo dell’argento ha ripreso a salire, vertiginosamente, sino a raggiungere i massimi del periodo a luglio a quota 44,18 dollari l’oncia.

PREZZO ARGENTO PEGGIOR SETTIMANA DAL 1980


Questo trend rialzista, come abbiamo detto e come evidente osservando le 5 onde di Elliott, è cominciato molto tempo addietro e non si è ancora arrestato  salvo segnalare un battuta d’arresto, una correzione veloce in particolare, a fine luglio da identificarsi grazie alle bande di Bollinger e a una forte area di ipercomprato (prezzo dell’argento fissato al di sotto dei 39 dollari l’oncia).

Da inizio agosto, ad oggi, però, il trend rialzista sarebbe ricominciato sino a raggiungere, in questi ultimi giorni, i massimi di periodo che, purtroppo, non sarebbero stati raggiunti da un mercato scoraggiato provocando quello che, in gergo, si definisce quale Bearish Bat Pattern.

PREZZI METALLI PREZIOSI ANCORA IN AUMENTO

Nei prossimi giorni, dunque, sarebbe da porre la massima attenzione ai grafici giacché, anche solo lo sconfinamento sotto area 39,17, indicherebbe l’inizio di un trend ribassista che potrebbe continuare per moltissime settimane.

Il trend rialzista, infatti, sebbene possa intravedersi anche soltanto con lo sconfinamento del valore di riferimento 41,53, si verificherà soltanto al superarsi della soglia chiave di 44,18, evento ancora lontano dal verificarsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>