Previsioni quotazione oro 2010

di Francesco Di Cataldo 4

Se quindi il dollaro scende nei confronti dell'euro il prezzo dell'oro sale e questo dipende anche dal fattore spicologico dell'investitore..

lingotto di oro

Aggiornamento: analisi del prezzo dell’oro.

Nell’ultima seduta il prezzo dell’oro ha toccato il suo massimo storico arrivando a sfiorare, nella quotazione in dollari, i 1070 dollari l’oncia. Nella seduta dell’8 di ottobre il prezzo dell’oro ha raggiunto il suo massimo storico, per poi salire ancora nella giornata di ieri.

E’ chiaro che una simile quotazione si rispecchia nell’andamento del dollaro che continua nella fase di discesa arrivando a toccare 1,48 dollaro nei confronti dell’euro quotazione che non si verificava da agosto 2008.


Se quindi il dollaro scende nei confronti dell’euro il prezzo dell’oro sale e questo dipende anche dal fattore spicologico dell’investitore che si rifugia nei metalli preziosi. Anche la Cina, principale detentore di moneta verde e grande sostenitore dell’economia americana, possiede una quantità di oro che raggiunge i 1000 miliardi di dollari.


Se la Cina dovesse di punto in bianco decidere di vendere le proprie riserve aurifere, il prezzo dell’oro si abbasserebbe sensibilmente. Con la fase di discesa del biglietto verde investire nell’oro sembra essere il rifugio migliore e il prezzo dell’oro in salita dipende anche dalla paura che l’inflazione ricominci a galoppare dopo il periodo di crisi economica che sta mantenendo inalterati i prezzi.

La ripresa ci sarà a partire dalla seconda metà del 2010 pertanto è prevcedibile che fino ad allora il prezzo dell’oro continui a salire fino a raggiungere il target price di 1150 dollari l’oncia per poi scendere gradualmente. Il tutto dipende anche dal movimento del prezzo del dollaro e dalle strategie di Obama anche nell’incontro con la Cina.

Commenti (4)

  1. è arrivato a 1154$ oncia a novembre!!!!!!!!!!!!!!!!!

  2. vendere o coprare questo e’ il problema!
    Risposta: per chi ha dei gioielli che non indossa questo e’ il momento piu’ adatto per vendere quindi afrettatevi.
    sul sito http://www.quotazioneoro.info potete vedere le quotazioni in tempo reale e vedrete che questo e’ il miglor tempo x vendere.

  3. I governi occidentali che hanno venduto parte delle proprie riserve auree negli anni passati hanno perso cifre considerevoli a causa della permanente crescita della quotazione oro iniziata nel 2006 e proseguita fino ad oggi, sicuramente i cittadini dei paesi che hanno adottato la linea economica di diminuire le riserve auree negli ultimi anni avrebbero molto da rimproverare ai manager governativi che non hanno certo avuto lungimiranza nella buona gestione del denaro pubblico, anche se gli accadimenti e le congiunture finanziarie che hanno permesso la crescita del valore dell’oro non erano certo di facile previsione, prima fra tutte la profonda crisi economica e finanziaria iniziata nel 2008 con una delle più gravi recessioni globali di tutti i tempi. I piccoli investitori molto sensibili ai cambiamenti di strategie finaziarie di breve periodo appena si sono resi conto dei rischi che correvano i propri risparmi in un periodo di crisi finanziaria così forte si sono riversati in massa sull’oro da sempre considerato bene rifugio per eccellenza e in questo caso ottimo anche come investimento considerati i forti rialzi che ha registrato la quotazione oro. Il crescente interesse veso l’oro da parte degli investitori ha creato un ciclo virtuoso che ha portato il prezzo dell’oro a beneficiare di ulteriori benefici nell’apprezzamento della quotazione del prezioso metallo giallo nell borse finanziarie globali. Al contrario di alcuni governi occidentali la Cina, la Russia e altri paesi asiatici hanno adottato negli ultimi anni una politica finanziaria di aumento delle riserve auree che oltre ad assicurare la solidità delle proprie riserve finanziarie sono riusciti ad ottenere importanti ricavi dalla crescita della quotazione oro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>