Falliscono altre sette banche americane

di Stefania Russo 3

La crisi economica continua a fare vittime in America dove la Fdic (il fondo di garanzia dei depositi Usa) ha annunciato la chiusura..

La crisi economica continua a fare vittime in America dove la Fdic (il fondo di garanzia dei depositi Usa) ha annunciato la chiusura per insolvenza di altre sette banche.

Si tratta di sette istituti di credito statunitensi di modeste dimensioni che si sono trovati ad essere pesantemente coinvolti in investimenti in obbligazioni cartolarizzate. Questi sette istituti, di cui sei appartengono allo Stato dell’Illinois, si vanno ad aggiungere a quelli già falliti dall’inizio dell’anno per un totale di 52 istituti falliti, un numero impressionante soprattutto considerando che altre 25 banche hanno dichiarato fallimento nel 2008.


Le banche che sono state chiuse, nel dettaglio, sono la John Warner Bank, First State Bank, Rock River Bank, Elizabeth State Bank, First National Bank, Founders Bank e la Millenium State Bank.


La più grande di queste è la Founders Bank, con un’attività per 962,5 milioni di dollari, di cui 848,9 milioni in depositi. I depositi di questa banca saranno assunti dalla Private Bank and Trust.

Il fallimento di queste banche comporta un costo che ammonta a circa 314,3 milioni di dollari. La Fdic, tuttavia, ha già fatto sapere di aver trovato altre banche che assumeranno i depositi delle banche dichiarate fallite, mentre è in cerca di possibili acquirenti privati di queste ultime sette banche dichiarate fallite.

Ma la situazione non accenna a migliorare visto che, secondo gli esperti, nei prossimi tre anni in America potrebbero fallire addirittura altre mille banche.

Commenti (3)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>