Bilancio Axa 2009

di Stefania Russo 2

Axa ha chiuso il 2009 con un utile pari a 3,61 miliardi di euro, un risultato questo in netta crescita rispetto ai 923 milioni dell'anno precedente..

Axa ha chiuso il 2009 con un utile pari a 3,61 miliardi di euro, un risultato in netta crescita rispetto ai 923 milioni dell’anno precedente e superiore alle previsioni degli analisti che avevano previsto un utile di 3 miliardi di euro. I ricavi sono invece calati dell’1,2% a quota 90,12 miliardi di euro dai 91,22 miliardi registrati nel 2008.

A contribuire in maniera positiva sui risultati dell’intero anno è stata soprattutto la ripresa dei mercati finanziari a livello globale, nonchè la ristrutturazione del business statunitense le cui perdite avevano notevolmente pesato sui risultati del 2008.


L’influenza positiva di questi due fattori si è manifestata soprattutto nel secondo semestre dell’anno, nel corso del quale il colosso assicurativo è riuscito a registrare un utile in crescita dell’84% a 2,28 miliardi di euro, anche in questo caso superiore alle attese degli analisti che avevano stimato un risultato di 1,62 miliardi di euro.


Alla luce della buona performance il consiglio di amministrazione ha proposto la distribuzione di un dividendo di 0,55 euro per azione, superiore del 38% rispetto a quello pari a 0,40 euro per azione distribuito nel 2008.

Il CEO di Axa, Henri de Castries, ha affermato che secondo le sue previsioni la compagnia assicurativa nel corso del 2010 dovrebbe riuscire a beneficiare dei favorevoli trend sui mercati delle assicurazioni e dell’asset management, nonchè del suo marchio forte, dei suoi prodotti innovativi e del miglioramento della qualità dei suoi servizi, tutto questo nonostante il quadro economico generale sia ancora caratterizzato da una profonda incertezza.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>