Bilancio Credem gennaio dicembre 2012

di Filadelfo Scamporrino Commenta

Un utile in crescita anno su anno del 25,5%, ed un dividendo proposto dal Consiglio di Amministrazione pari a 0,12 euro unitari per azione. Sono questi i tratti salienti dei risultati del 2012 del Credem S.p.A. dopo che il Consiglio di Amministrazione della società ha approvato i conti caratterizzati da una crescita del 3,7% dei rapporti, e quindi della base di clientela, in virtù di un’offerta semplice e competitiva, e da prestiti che, in controvalore, sono aumentati anno su anno dell’1,2% a conferma del continuo sostegno alle famiglie ed al sistema imprenditoriale.

In merito il Credem ha tra l’altro attivato un canale che, attraverso il reclutamento di ottanta agenti specializzati, è dedicato alla formula del prestito con la cessione del quinto.



CREDEM RIDUCE EMISSIONE OBBLIGAZIONI NEL SECONDO SEMESTRE

Inoltre, in accordo con un comunicato ufficiale emesso dalla società quotata in Borsa a Piazza Affari, nel 2012 c’è stata una crescita anno su anno sia della raccolta diretta da clientela, sia della raccolta gestita a fronte di un Core Tier 1 che, al 9,4%, conferma la qualità del credito e la solidità patrimoniale della Banca peraltro senza il ricorso ad operazioni di aumento di capitale.

PREVISIONI EPS CREDEM RIVISTE AL RIALZO

Per quel che riguarda il dividendo del 2013 sull’esercizio del 2012, a 0,12 euro per azione, questo è superiore ai 0,10 euro per azione riconosciuti lo scorso anno agli azionisti del Credem S.p.A. sull’esercizio del 2011. Il Consiglio di Amministrazione ha proposto come data di pagamento del dividendo quella del 23 maggio con stacco in data lunedì 20 maggio del 2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>