Debito Tiscali in crescita, disponibilità di cassa ridotta

di Redazione Commenta

Tiscali ha comunicato i dati relativi alla sua situazione debitoria al 30 novembre 2010, quando il suo debito netto ha raggiunto quota 206,9 milioni di euro..

Tiscali ha comunicato i dati relativi alla sua situazione debitoria al 30 novembre 2010, quando il suo debito netto ha raggiunto quota 206,9 milioni di euro, un dato superiore rispetto al debito da 202,7 milioni di euro relativo al 31 ottobre 2010. Dai dati diffusi, dunque, risulta che l’azienda ha bruciato ben 4,5 milioni di euro di free cash flow.

Gli analisti di Mediobanca hanno fatto sapere che secondo le proprie stime l’operatore telefonico sardo dall’inizio dell’anno ha bruciato ben 16 milioni di euro, andando così a ridurre notevolmente la sua disponibilità di cassa.


La cassa disponibile è infatti calata da 10,5 milioni a 6,18 milioni di euro, una riduzione che secondo gli analisti avrà gravi ripercussioni sulle attività della società, in quanto non consente di operare i necessari investimenti per accrescere la propria competitività e fronteggiare la concorrenza delle altre aziende attive nel settore. Per questo motivo, dunque, gli analisti di Mediobanca hanno deciso di mantenere il rating neutral e il target price a 0,09 euro sul titolo.

Gli analisti di Banca Akros, invece, hanno confermato il rating reduce e un target price a 0,08 euro, inoltre si sono detti certi che l’incremento dell’indebitamento di Tiscali dipende esclusivamente dal pagamento di debiti commerciali scaduti.

A Piazza Affari il titolo Tiscali registra al momento un incremento dello 0,37% a 0,0807 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>