Trimestrale Goldman Sachs aprile giugno 2010

di Redazione 4

Il Q2 2010 per Goldman Sachs ha visto profitti netti in calo dell'82% a quota 613 milioni di dollari.

Goldman Sachs ha pubblicato i conti del secondo trimestre del 2010, che purtroppo sono stati molto deludenti, facendo precipitare così tutto il settore bancario in borsa.

Il Q2 2010 per Goldman Sachs ha visto profitti netti in calo dell’82% a quota 613 milioni di dollari, cioè 78 centesimi per azione, contro le previsioni degli analisti di 1,99 dollari per azioni, e contro i 3,44 miliardi di utile dello stesso periodo dell’anno precedente.

Hanno pesato sulla trimestrale di Goldman soprattutto il costo dell’accordo raggiunto per chiudere un’indagine da parte delle autorità, oltre alle nuove tasse sui bonus ai dipendenti introdotte dall’Inghilterra e a un calo delle entrate dalle attività di trading.

Difatti, se si escludono i 600 milioni di dollari della nuova tassa e i 550 milioni pagati alla Sec, gli utili sarebbero stati positivi per 2,75 dollari per azione.

Il giro d’affari della banca americana è stato di 8,84 miliardi di dollari, in calo del 36% rispetto agli 11,71 miliardi di un anno fa.

La divisione investment banking ha riportato ricavi pari a 917 milioni di dollari, cioè il 36% in meno rispetto all’anno scorso ed il 23% in meno rispetto al primo trimestre 2010. Il Tier 1 era pari al 15,2% alla fine del mese di giugno.

Commenti (4)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>