Fiat Industrial in calo per taglio produzione Scania

di Redazione Commenta

A Piazza Affari il titolo Fiat industrial nella seduta odierna si muove in territorio negativo segnando a metà mattinata...

A Piazza Affari il titolo Fiat industrial nella seduta odierna si muove in territorio negativo segnando a metà mattinata una perdita dello 0,93% a 6,39 euro.

Ad influire negativamente sul titolo della società torinese attiva nel settore dei veicoli commerciali e industriali è stata la notizia negativa arrivata da Scania, che ha annunciato un’ulteriore riduzione del 15% della produzione a partire da gennaio 2012, una decisione presa a seguito dell’ulteriore rallentamento della domanda proveniente dall’Europa e dall’America Latina.

PREVISIONI FIAT 2012 CON BUONI RISULTATI



Martin Lundstedt
, vice presidente esecutivo e responsabile vendite e marketing di Scania, ha spiegato che nel corso degli ultimi mesi è proseguito ulteriormente il calo della domanda in Europa e, contestualmente, sono stati registrati nuovi cali anche negli ordinativi provenienti da altri mercati.

FIAT INDUSTRIAL POSSIBILE ACQUISTO QUOTE DI MINORANZA CNH

Un analogo taglio alla produzione era già stato attuato lo scorso novembre, quando Scania aveva attuato un taglio del 15% alla produzione globale decidendo al contempo di non rinnovare circa 900 contratti di lavoro a tempo determinato, un numero piuttosto elevato se si considera che il totale dei lavoratori impiegati negli stabilimenti europei è di 1.400 unità. A seguito dell’annuncio del nuovo taglio, dunque, è più che probabile che verranno colpiti da misura analoga i restanti lavoratori degli stabilimenti europei e quelli impiegati in America Latina.

La notizia è negativa anche in considerazione del fatto che Iveco genera in Europa e in America Latina gran parte del suo fatturato.

Gli analisti di Equita, a seguito dell’annuncio del nuovo taglio, hanno ridotto le stime sul mercato europeo confermando però al contempo il rating “buy” e il target price a 9 euro sul titolo Fiat Industrial, alla luce della convinzione che la debolezza di Iveco venga compensata dall’altra controllata CNH.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>