Crollo delle borse europee

di Alessandro Bombardieri Commenta

I principali indici delle borse europee sono crollati nella giornata di ieri...

I principali indici delle borse europee sono crollati nella giornata di ieri, a causa soprattutto dell’ulteriore accelerazione al ribasso di Wall Street, in seguito al calo netto della fiducia nel mese di giugno dei consumatori.

Tutte le piazze europee sono state colpite dal calo, ma la peggiore di tutte le principali è stata proprio Milano, dove il Ftse Mib ha chiuso in calo del 4,44% a quota 19.236 punti, e l’All Share ha perso il 4,21% a 19.794 punti.

Parigi ha perso il 3,76%, Londra il 2,81% e Francoforte il 3,10%. La maglia nera va però a Madrid, che ha ceduto il 5,09%.

A Milano sono crollati in particolare i titoli bancari, in vista della scadenza giovedì del finanziamento a un anno per 442 miliardi messo a disposizione delle banche della zona euro da parte della Bce.

Intesa San Paolo ha ceduto il 7,76% a 2,14 euro, Bpm il 6,27% a 3,4025 euro mentre Unicredit ha ceduto il 5,64% a 1,824.

Da segnalare il forte calo del titolo Fiat, -5,92% a 8,495 euro, che ha seguito il calo dei titoli industriali e del settore Automotive europeo.

Il quotidiano polacco Dziennik Gazeta Prawna ha scritto che il gruppo del Lingotto intende portare la produzione della Lancia Ypsilon nello stabilimento di Tichy.

Lo spostamento della produzione in Polonia permetterebbe di evitare i licenziamenti conseguenti al trasferimento della nuova Panda a Pomigliano d’Arco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>