Ottima seduta per Enel nell’ultimo giorno per l’aumento di capitale

di Alessandro Bombardieri Commenta

Enel nell’ultimo giorno disponibile per l’aumento di capitale ha guadagnato il 4.61%...

La settimana in borsa si è chiusa in modo contrastato a Wall Street con il Dow Jones che ha fatto segnare in chiusura di seduta -0.19% a quota 8’539 punti, Nasdaq +1.09% a 1’827 punti e l’S&P 500 +0.31% a 921 punti. In Europa pesano molto i recuperi sul finale della seduta dei titoli energetici e delle utilities, Parigi, che ha chiuso a +0.85% e Londra +1.73% sono state le migliori piazze del Vecchio Continente.

A Piazza Affari invece i listini sono stati rallentati dai titoli assicurativi e bancari, Ftse Mib +0.59% e Ftse All Share +0.69%, ma per come era iniziata la giornata potevano chiudere molto meglio.

Il rialzo dei listini principali europei è dovuto anche alla probabile decisione della FMI di aumentare le stime di crescita dell’economia per il 2010.

A Milano il settore peggiore è stato quello bancario, con Ubi Banca in controtendenza, +4.48%, e anche Unicredit (+1,37%). Male invece Intesa Sanpaolo che ha perso il 2,46%, Bpm -2,71%,Banco popolare -3,34%. Da segnalare anche Enel, che nell’ultimo giorno disponibile per l’aumento di capitale ha guadagnato il 4.61%.

Così come Enel hanno fatto bene anche gli altri energetici, Eni +0,63%, Saipem +0,93% e Snam rete gas, con il petrolio che ha superato la soglia dei 72 dollari al barile.

Fiat è scesa sotto i 7 euro per azione, perdendo l’1.77%, bene invece Pirelli (+1,58%), Pirelli Re ha perso il 7,49%. Da segnalare il recupero di Telecom Italia (+0,8%) , il buon risultato di Luxottica (+2,46%) e di Buzzi Unicem ,+2,54%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>