Hollande spinge la Bce ad attuare misure di aiuto all’Europa

di Carlo Valuta Commenta

Dopo l’ammissione che il governo non riuscirà a centrare gli obiettivi di bilancio nel 2014 e dopo aver dimezzato le stime sulla crescita economica, il ministro delle Finanze francese ha lanciato un appello a Draghi, perché faccia tutto il possibile per rilanciare una ripresa ormai troppo lontana.

La correzione dei mercati è solo tecnica. Le azioni e le obbligazioni rimangono un buon investimento

 Draghi  dovrebbe utilizzare “tutti i mezzi a disposizione per combattere la deflazione e portare l’euro su un livello più competitivo”. Il che significherebbe una svalutazione massiccia.

La Bce ha già assicurato che riverserà nel  settore bancario dell’area euro un’ altra ondata di liquidità a tassi vantaggiosi per un totale di 400 miliardi di euro. L’intento rimane quello di spingere le banche a prestare denaro alle piccole imprese e famiglie.

Intanto i dati troppo deludenti di Francia e Germania mettono Draghi in una posizione molto scomoda. Ad oggi due terzi del blocco a 18 è in recessione, sul margine di una recessione o ha in ogni caso subito una contrazione nel secondo trimestre. Non è più possibile a questo punto parlare di ripresa.

Draghi deve fare di più e passare a un quantitative easing all’europea, quindi acquistare bond governativi e altri titoli per sostenere le attività. E lo stesso Draghi non ha escluso questa soluzione.

 

Anche se più volte ha fatto capire ai governi maggiormente in difficoltà che il cambiamento di direzione per uscire per sempre dalla crisi è quella di effettuare riforme strutturali per rilanciare la crescita e gli investitmenti. E questa, purtroppo, non è sicuramente un’area in cui Francia e Italia eccellono.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>