Rating Italia tagliato a BBB+ da S&P

di Redazione Commenta

Il rating italiano passa da A a BBB+.

Per la prima volta nella storia l’Italia perde la A, oltretutto con prospettive negative per il futuro.

Dopo che Francia ed Austria sono state declassate perdendo la tripla A, Standard & Poor’s ha tagliato anche il rating del nostro Paese, sceso da A a BBB+, come Perù, Colombia, Irlanda, Russia e Kazakhstan.


La comunicazione ufficiale del taglio del rating è giunta solamente ieri sera dopo la chiusura di Wall Street ma era già stata anticipata nelle ore precedenti ed era quindi attesa dal mercato. Il comunicato di S&P conferma innanzitutto che si tratta di una bocciatura generale dell’Unione Europea, la quale ha una governance economica debole e deve continuare a ricorrere a manovre correttive.

BORSA ITALIANA

Come riferito da S&P in Italia il clima politico è cambiato ma questo non è successo in Europa, comunque il rating italiano sarà declassato ancora se il governo attuale non riuscisse a portare a termine le riforme strutturali previste o se dovesse terminare prima del termine naturale.

La nota ufficiale afferma anche che l’outlook sull’Italia è negativo, quindi esiste almeno una possibilità su tre che il rating venga tagliato ancora nel corso dei prossimi due anni.

Per S&P il rating tripla B indica una corretta capacità di rispettare gli impegni finanziari ma una certa suscettibilità alle condizioni economiche avverse e alle variazioni del quadro finanziario. Nel declassamento ha pesato sicuramente molto il Pil previsto in calo di almeno lo 0,5%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>