Dpef, da oggi parte l’iter per l’approvazione

di Stefania Russo 1

Il Documento di programmazione economico-finanziaria prevede una ripresa dell'economia a partire dal 2010 dopo un 2009 che si..

Il Documento di programmazione economico-finanziaria prevede una ripresa dell’economia a partire dal 2010, dopo un 2009 che si concluderà con un calo del Pil del 5,2%. Per il 2010, quindi, si prevede una crescita del Pil dello 0,5% e del 2% nel 2011. Il deficit strutturale, invece, dovrebbe raggiungere il 3,1% nel 2009 e il 2,8% nel 2010.

Per quanto riguarda l’indebitamento netto, il Documento prevede che quest’anno si dovrebbe attestare al 5,3% per poi scendere al 5,0% nel 2010. Il debito pubblico, invece, che nel 2008 si è attestato al 105,7%, salirà quest’anno di quasi dieci punti al 115,3%, per poi arrivare al 118,2% nel 2010 e ridiscendere al 114,1% nel 2013.


Il Dpef prevede che l’avanzo primario, ossia il saldo di entrate e spese di conti pubblici, nel 2009 scenderà sotto lo zero, ossia al -0,4%, per poi risalire allo 0,2% nel 2010 e fino al 3,5% del 2013.

Il Documento, inoltre, ribadisce che gli obiettivi dell’azione di governo puntano al pareggio di bilancio strutturale e ad una riduzione del rapporto debito/pil.


Nella giornata di ieri, a Palazzo Chigi, si è tenuto il primo incontro tra governo, sindacati e Confindustria, una riuniune da cui è uscita pesantemente insoddisfatta la Cgil, che ha sottolineato l’assenza di discussioni relative a temi importanti come lo scudo fiscale le pensioni. Il segretario generale della Cgil Guglielmo Epifani, in particolare, ha definito l’incontro troppo generico e per questo incapace di affrontare quelli che sono considerati i veri problemi del paese.

Un’accusa a cui il ministro dell’economia Giulio Tremonti ha risposto affermando che il Documento conferma tutte quelle che sono le certezze più importanti, ossia la sanità, l’assistenza e tutto quello che serve alle persone per vivere. Per quanto riguarda, invece, pensioni, prestazioni e sicurezza non è previsto alcun taglio.

L’approvazione del Documento di programmazione economico-finanziaria relativo alla manovra di finanza pubblica per il quadriennio 2010-2014 è all’ordine del giorno della riunione del Consiglio dei Ministri che si terrà questa mattina alle 10:30.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>