Istat, esportazioni in calo del 24,2%

di Stefania Russo Commenta

Il primo semestre del 2009 è stato un periodo piuttosto difficile per le esportazioni italiane che hanno subito una flessione piuttosto rilevante..

Il primo semestre del 2009 è stato un periodo piuttosto difficile per le esportazioni italiane che hanno subito una flessione piuttosto rilevante, ovvero un calo del 24,2% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

A segnalarlo è stato l’Istat che ha attribuito questo risultato piuttosto preoccupante soprattutto ad una consistente riduzione dei flussi verso i paesi dell’Unione europea che, nel periodo compreso tra gennaio e giugno 2009, sono calati in totale del 26,9%.


Inoltre, sono risulati essere in calo, anche se in maniera meno consistente, anche i flussi verso i paesi che non fanno parte dell’Unione europea, verso i quali è stata registrata una contrazione del 20,2%.


A livello territoriale il calo delle esportazioni è stato registrato praticamente in tutte le regioni, con una riduzione delle esportazioni che è stata addirittura al di sopra della media nazionale nella parte insulare e meridionale della penisola. Nella parte insulare, in particolare, è stato registrato un -46% attribuito in larga parte alla riduzione del valore delle vendite all’estero di prodotti petroliferi raffinati. Nella perte meridionale, invece, il calo è stato del 28,8%.

Il calo delle esportazioni è risultato invece più contenuto nella parte nord-ovest, in cui è stato registrato un calo del 23,9%, nella parte nord-est, in cui il calo è stato del 23,4% e nella perte centrale dell’Italia in cui c’è stato un -18,5%.

Dal punto di vista congiunturale, invece, nel secondo trimestre dell’anno c’è stato un andamento negativo dell’export in tutte le zone, a eccezione dell’Italia meridionale e insulare che ha registrato un +1,2%. Le flessioni più rilevanti riguardano l’Italia nord-orientale (-5,2%) e per l’Italia nord-occidentale (-4,6%) mentre al centro la flessione è stata meno consistente con un calo limitato al -2,4%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>