Oracle, vendite in calo del 17%

di Redazione 1

Brutte notizia arrivano da Oracle il quale ha annunciato che nel trimestre chiuso al 31 agosto 2009 le vendite di software sono calate..

Brutte notizia arrivano da Oracle il quale ha annunciato che nel trimestre chiuso al 31 agosto 2009 le vendite di software sono calate del 17%, un calo piuttosto drastico che ha preoccupato molto i vertici dell’azienda soprattutto perchè si tratta di una percentuale che risulta essere superiore rispetto a quella prevista dagli esperti che avevano parlato di un calo compreso tra il 4 e il 14%.

Per quanto riguarda invece il fatturato complessivo, che include sia le vendite di software che gli introiti derivanti dalla manutenzione dei programmi acquistati in precedenza, ha subito una contrazione del 5% a 5,05 miliardi di dollari, al di sotto delle stime che parlavano di 5,24 miliardi.


Nonostante questo, tuttavia, Oracle ha registrato nel trimestre in questione un utile di 30 centesimi per azione, perfettamente in linea con le previsioni degfli analisti.


La cosa che più preoccupante, tuttavia, è che questo risultato negativo ha fatto svanire le speranze di una ripresa degli investimenti corporate nel settore dell’IT facendo calare del 2,7% il titolo a Wall Street nel dopo borsa, dopo che lo stesso titolo era stato negativo di oltre due punti percentuali nella seduta ufficiale. Bisogna poi considerare che gli investitori sono molto attenti alle vendite di software perchè sono un indicatore degli utili futuri di Oracle.

Nonostante questo risulato inferiore alle attese i vertici di Oracle guardano con ottimismo i mesi a venire. In particolare, il Ceo di Oracle Larry Allison dopo la diffusione dei dati ha affermato che la società si aspetta una leggera inversione di tendenza con una crescita del 3% annuo.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>