Goldman Sachs taglia stime Pil Usa

di Alessandro Bombardieri Commenta

Tagliate ancora le stime sul Pil americano...

Goldman Sachs ha tagliato le stime sul Pil degli Stati Uniti d’America per il 2011, da +1,7% a +1,5%. Come sottolineato in una nota ufficiale della banca d’affari americana, l’economia degli States ha mostrato nuovi segnali di rallentamento nell’ultimo periodo, come testimoniato anche dai recenti dati.

Adesso Goldman Sachs prevede una crescita dell’1% per il terzo trimestre e dell’1,5% per il quarto trimestre dell’anno. Le previsioni precedenti di Goldman erano di una crescita del 2% per ciascuno degli ultimi due trimestri dell’anno.

Secondo quanto previsto da Goldman, venerdì prossimo al forum d’economia a Jackson Hole, Ben Bernanke sarà molto prudente nelle sue dichiarazioni ma confermerà di aspettarsi una crescita per l’economia degli Stati Uniti negli ultimi mesi dell’anno e nel 2012.

Sempre stando a quanto previsto da Goldman, Bernanke farà anche un’analisi di addizionali acquisti di asset per sostenere l’economia. Goldman Sachs crede però che il presidente della Federal Reserve non annuncerà in quell’occasione nessuna nuova misura di politica monetaria.

[PIL USA POTREBBE RALLENTARE SECONDO GEITHNER]

Nei giorni scorsi anche JP Morgan e Citigroup avevano tagliato le stime sulla crescita del Pil Usa. Citigroup ha ridotto le stime per l’intero 2011 dal +1,7% al +1,6% e per il 2012 dal +2,7% al +2,1%. JP Morgan addirittura ha ridotto le stime per il quarto trimestre 2011 da +2,5% a +1%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>