Aumento di capitale Banco Popolare escluso da Saviotti

di Stefania Russo Commenta

L'ipotesi che Banco Popolare decida di lanciare un aumento di capitale è stata categoricamente esclusa dall'amministratore delegato...

L’ipotesi che Banco Popolare decida di lanciare un aumento di capitale è stata categoricamente esclusa dall’amministratore delegato Pier Francesco Saviotti nel corso di un’intervista rilasciata ad Affari & Finanza e in cui non solo ribadisce che non ci sarà alcuna operazione di ricapitalizzazione ma aggiunge anche che si dimetterebbe immediatamente dal suo ruolo di amministratore delegato dell’istituto bancario nel caso in cui un’operazione di questo tipo dovesse essergli imposta.

A far supporre un aumento di capitale da parte dell’istituto bancario è il coefficiente patrimoniale Core Tier 1 al 6,5%, ossia il livello più basso dei primi cinque istituti di credito. Questo dato, tuttavia, sembra non spaventare affatto Saviotti e gli altri vertici del gruppo, dal momento che nel corso della stessa intervista l’amministratore delegato si è detto certo che l’istituto riuscirà a portare il Core Tier 1 al 7% alla fine del 2012 e al 7,7% alla fine del 2013.

TITOLI SETTORE BANCARIO BOCCIATI DA NOMURA

Saviotti ha spiegato che l’istituto riuscirà a raggiungere questo obiettivo attraverso diverse operazioni. La prima riguarda il contenimento dei risk weighted asset e che alla fine di settembre si incrementerà di 10 punti base portando il Core Tier 1 al 6,6%. La mossa più incisiva a tal fine consisterà però nell’affiancamento degli avviamenti, operazione resa ancor più semplice dalla delibera di creare la banca unica. Secondo le prime stime quest’ultima operazione produrrà un incremento di 20 punti base al patrimonio.

BANCO POPOLARE SMENTISCE AUMENTO DI CAPITALE

Altri 80-90 punti dovrebbero arrivare, anche se non tutti insieme, dopo che Banco Popolare riuscirà a dimostrare alla Banca d’Italia la sostenibilità nel medio termine. A riguardo si stanno già tenendo diversi incontri per la validazione del rischio e l’obiettivo è quello di concludere il tutto in maniera favorevole entro il prossimo giugno.

Altri punti arriveranno poi dalle diverse dismissioni in programma, ma che in ogni caso non riguarderanno banche del gruppo, e dalla produzione di reddito da parte della stessa banca, che dovrebbero consentire di arrivare ad un Core Tier 1 del 7,7% nel 2013, ossia perfettamente in linea con i requisiti patrimoniali di Basilea 3, che chiede alle banche un Core Tier 1 del 7% entro il 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>