Caso Leheman, l’Italia si è fatta valere

by Redazione Commenta

L'Italia, in questo caso, non ha mai investito tanto in Lehman e, di conseguenza, ora deve affrontare delle conseguenze meno pesanti..

Relativamente al caso Lehman, una delle più grandi compagnie bancarie stanutensi ridotta al fallimento a causa della crisi dei mutui americani.

Il fallimento di questo colosso, com’è ovvio, ha avuto ripercussioni negative non solo sulle borse e sugli indici, che sono crollati in seguito alla notizia, ma anche sui paesi esteri che avevano scommesso ed investito sui titoli Lehman, che sono crollati da 66 dollari ad azione (nel suo massimo splendore) a pochi spiccioli.


L’Italia, in questo caso, non ha mai investito tanto in Lehman e, di conseguenza, ora deve affrontare delle conseguenze meno pesanti rispetto ad altri paesi esteri.

Ad esempio, Aviva, la più grande compagnia britannica, ha ammesso che il fallimento di Lehman Brothers gli ha causato un debito di oltre 300 milioni di euro. Addirittura sul mercato del sol levante, il fallimento della banca statunitense ha generato debiti per oltre 3 miliardi di dollari.


La Royal Bank of Scotland ha fatto sapere che dovrà affrontare reclami da parte dei clienti per un totale di oltre 1 miliardi di dollari.

Per affrontare questa situazione, il ministro del tesoro americano, ha dichiarato che interverrà con oltre 50 miliardi di dollari per sanare la situazione, affermazione che ha poi portato, negli ultimi giorni, ad una graduale risalita del mercato borsistico.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>