Fallimento scongiurato per WindJet

by Redazione Commenta

 Continua il cammino della Win Jet, un cammino difficile e tormentato ma che non vuole fermarsi alle molteplici difficoltà che negli scorsi mesi hanno investito la società. Infatti, dopo l’interruzione avventura durante l’estate dello scorso anno, la Wind Jet scongiura il fallimento.

La Wind Jet ha ottenuto il 92% dei voti favorevoli da parte di quelli che sono i creditori, creditori che si sono fidati delle garanzie del presidente della stessa compagnia.

Il legale della Wind Jet ha parlato anche dei creditori della compagnia e della loro scelta, una scelta che arriva dietro la comprensione di uno sforzo della stessa proprietà e di Antonio Pulvirenti. Del resto la Wind Jet ha messo a disposizione un’importante parte di liquidità, liquidità che è riuscita a dare fiducia e che allo stesso tempo permette di strutturare un nuovo concordato in modo più efficace e sicuramente diverso.

Gianluca Ascenzi, avvocato, sostiene che nella ricostruzione sono state messe in modo incauto alcuni passi ovvero determinate azioni che si sono ritrovate a modificare l’assetto della stessa azienda successivamente incorporato da Alitalia. Una mossa, quest’ultima, che secondo l’avvocato Gianluigi Ascenzi, ha fatto rimanere la stessa Wind Jet nella condizione di non essere più autosufficiente quando Alitalia si è tirata indietro, questo per il fatto che alcuni dei partner fondamentali, sotto il punto di vista tecnico, era stati tagliati (per non parlare dei partner manutentivi e delle basi aeree).

Anche Wind Jet torna ad avere gli occhi puntati come le altre società italiane del momento come ad esempio Telecom Italia e il futuro del riassetto societario e Rcs MediaGroup: i soci e la fine del patto sindacale.

Photo Credits – Karl-Josef Hildenbrand – DPA – Getty Images

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>