La nuova General Motors

di Redazione Commenta

Nella giornata del 10 luglio alle ore 12 e 30 italiane è stato firmato il passaggio di proprietà...

La nuova General Motors è nata in tempi record, infatti nella giornata del 10 luglio alle ore 12 e 30 italiane è stato firmato il passaggio di proprietà, a soli 40 giorni dall’annuncio della bancarotta. Un vero e proprio record. Secondo le prime voci che girano vicino all’azienda l’intento è quello di creare una nuova società molto più snella della precedente, anche se per fare questo bisognerà ricorrere a molti tagli del personale.

La nuova GM sarà molto più attenta rispetto alle richieste dei clienti, molto più veloce, e molto più rapida nel ripagare i grandi finanziamenti che sono arrivati dal governo americano in questo periodo.

Ad affermare quanto detto è stato l’amministratore delegato della nuova GM, Fritz Henderson, il quale ha assicurato che i 50 miliardi di dollari di prestiti pubblici di cui ha beneficiato la società di Detroit saranno restituiti prima della scadenza fissata nel 2015.

Henderson ha affermato che GM dovrà dare molto più peso alle richieste delle clientela, ha inoltre ringraziato per l’opportunità che viene fornita alla società di ripartire nuovamente, per una vera e proprio seconda vita. Henderson però ha dovuto parlare anche dei tagli del personale: saranno ridotti del 35% i manager e ben 450 dirigenti lasceranno GM. Perderanno il posto oltre 6mila cosiddetti colletti bianchi.

Tra l’altro Henderson ha annunciato la creazione di un nuovo sito web dal nome “Dillo a Fritz” in cui i clienti potranno proporre in prima persona a General Motors idee sui futuri modelli e parlare direttamente con l’azienda.

Ricordiamo infine che la nuova GM punterà decisa sui marchi Chevrolet, Cadillac, Buick e GMC mentre Pontiac sparisce per sempre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>