Piano industriale e aumento di capitale per Aeroporti di Roma (AdR)

di Redazione 2

L'aumento di capitale di Adr servirà per ridurre il forte debito, ma anche per riuscire a sostenere i massicci investimenti che dovrebbero..

Nella giornata di oggi, oltre al brusco scivolone di Banca Italease, anche il titolo Gemina è stato sospeso per eccesso di ribasso e questo è dovuto con molta probabilità alla decisione che verrà presa domani durante il consiglio di amministrazione di aumentare il capitale della società controllata Aeroporti di Roma (Adr) al cui cda verranno anche illustrati al presidente del consiglio Silvio Berlusconi gli investimenti e il piano industriale della società per i prossimi 10 anni.

L’aumento di capitale di Adr servirà per ridurre il forte debito, ma anche per riuscire a sostenere i massicci investimenti che dovrebbero raggiungere una spesa di ben 3,6 miliardi di euro da qui al 2020.


In stretta sinergia con la società Aeroporti di Roma c’è anche Changi Airports Consultans che, grazie all’esterienza maturata nella gestione del mega aeroporto di Singapore, offrirà la propria consulenza strategica per far crescere a dismisura l’aeroporto di Fiumicino.


Nel grande scalo romano dovranno essere completati il molo C oltre ad un innovativo sistema di smistamento bagagli che dovrà limitare al massimo gli smarrimenti. Non solo, ma nel piano industriale è presente anche un nuovissimo terminal interamente dedicato ad Alitalia che ha da poco deciso di trasferire tutti i suoi voli sullo scalo di Fiumicino.

In sinergia con Changi Airports Consultans verranno ammodernari tutti i terminal dello scalo romano con l’ausilio dei migliori architetti del mondo e con il piano strategico di investimenti si stima che da qui al 2020 il numero di passeggeri in scalo a Fiumicino passeranno da 35 milioni a 60 milioni.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>