Previsioni La Doria riviste al rialzo per il 2009 e al ribasso per il 2010

di Stefania Russo Commenta

La Doria, società impegnata nella produzione di derivati del pomodoro, legumi e succhi di frutta per marchi della grande distribuzione, ha rivisto..

La Doria, società impegnata nella produzione di derivati del pomodoro, legumi e succhi di frutta per marchi della grande distribuzione, ha rivisto al rialzo le previsioni per il 2009 e al contempo ha abbassato quelle per il 2010.

La notizia è stata diffusa dalla stessa società attraverso un comunicato in cui si legge che per il 2009 il gruppo beneficerà soprattutto degli effetti del recupero dei listini prezzi dei derivati del pomodoro e dei legumi, nonchè dell’introduzione di misure di efficienza industriale.


Per il 2009 la società prevede di realizzare un fatturato di 440 milioni di euro, in lieve diminuzione rispetto ai 448,2 milioni del 2008, invariato dunque rispetto alla precedente stima. L’Ebitda è stato invece rivisto a 51 milioni contro la precedente previsione di 45,3 milioni, e in aumento del 52% rispetto ai 33,6 milioni del 2008. L’Ebit è atteso a 34,4 milioni contro i 30,8 milioni della stima precedente, in crescita del 65%. L’utile netto è stimato a 16 milioni contro i 13,6 milioni della precedente stima. L’indebitamento netto a fine 2009 è stimato a 120 milioni, in calo rispetto alla precedente previsione di 127,6 milioni.


Per il 2010, invece, le stime sono state riviste al ribasso soprattutto in considerazione del calo dei prezzi registrato nel corso della campagna di trasformazione dell’estate 2009, caratterizzata da una maggiore produzione del settore, il gruppo ritiene infatti che il calo dei prezzi non sarà compensato dal calo dei costi di produzione.

Il gruppo prevede per il prossimo anno un fatturato di 437,2 milioni, contro i 490 milioni della stima precedente, l’Ebitda a 36,4 milioni rispetto ai precedenti 41,7 milioni, l’Ebit a 23,3 milioni dai 26,9 milioni e infine l’utile netto a 8,9 milioni dagli 11 milioni della precedente stima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>