Vendite auto Fiat-Chrysler condizionate dal mercato italiano

di Redazione Commenta

A sostenere le vendite sono state le immatricolazioni di vetture come la 500 e la Panda a fronte di una crescita robusta del brand Fiat nel Regno Unito.

Una quota di mercato in Europa pari al 6,4% nel 2012, che poteva essere più alta se non fosse che in Italia l’anno scorso c’è stato un netto calo della domanda. E’ questa la fotografia sulle vendite del Gruppo Fiat che l’anno scorso, in Europa, ha complessivamente immatricolato quasi 800 mila vetture.

A sostenere le vendite sono state le immatricolazioni di vetture come la 500 e la Panda a fronte di una crescita robusta del brand Fiat nel Regno Unito, e dell’1% in Spagna. Molto bene anche Lancia/Chrysler in Inghilterra ed in Francia, così come in Germania la crescita del brand ha sfiorato il 4%.



TITOLO FIAT INDUSTRIAL IN RIALZO PER DATI POSITIVI CATERPILLAR

Il 2012 si chiude molto bene per Jeep che, in accordo con quanto reso noto dal Gruppo automobilistico quotato in Borsa a Piazza Affari, ha riportato anno su anno un aumento delle immatricolazioni del 19%. Bene anche il mese di dicembre 2012 per Jeep con un +11,4% rispetto al mese di dicembre del 2011.

FIAT IN RIALZO PER IPOTESI ALLEANZA PEUGEOT

Sul totale di quasi 800 mila immatricolazioni in Europa a livello di Gruppo, quasi 582 mila sono state quelle a brand Fiat per una quota di mercato pari al 4,6%. Nello scorso mese di dicembre in Europa le vetture immatricolate a marchio Fiat sono state oltre 37 mila per una quota di mercato pari al 4,4%, stabile rispetto alla quota dello stesso mese del 2011. Quasi 4 mila sono state invece le immatricolazioni nel 2012 in Europa per i due marchi di lusso del Gruppo Fiat, la Maserati e la Ferrari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>