Credit Suisse taglia target di Intesa e Unicredit

by Redazione Commenta

Dopo la festa del primo maggio Piazza Affari riapre i battenti e in questa prima parte della giornata mostra un andamento molto cauto, in attesa delle decisioni della Bce sui tassi di interesse nell’area euro

 Dopo la festa del primo maggio Piazza Affari riapre i battenti e in questa prima parte della giornata mostra un andamento molto cauto, in attesa delle decisioni della Bce sui tassi di interesse nell’area euro. Nel frattempo Credit Suisse ha messo nuovamente sotto osservazione il settore bancario italiano, che negli ultimi giorni ha evidenziato interessanti performance in borsa grazie alla formazione del nuovo governo Letta e alla decisa riduzione dello spread. La banca d’affari svizzera ha tagliato le stime di utile per azione del 35% per il triennio 2013-2015.

L’istituto di credito elvetico si aspetta maggiori pressioni sui margini di interesse e un aumento degli accantonamenti per perdite su crediti deteriorati. Partendo da questo presupposto, Credit Suisse ha deciso di tagliare il prezzo obiettivo sulle due big del settore bancario italiano, ovvero Intesa Sanpaolo e Unicredit. Per le azioni di Ca’ de Sass il target price è stato abbassato a 1,64 euro da 1,7 euro.

â–º BANCHE ITALIANE FESTEGGIANO CALO DELLO SPREAD

Il rating sul titolo Intesa Sanpaolo resta “outperform”, ovvero farà meglio del mercato. Per quanto riguarda le aizoni della banca di Piazza Cordusio, invece, il target price è stato limato a 3,82 euro dalla precedente valutazione di 4,1 euro. Il giudizio sul titolo Unicredit resta fermo a “neutral”. Credit Suisse ha poi tagliato il target price di Banca Mps a 0,13 euro da 0,2 euro con rating confermato a “underperform” (farà peggio del mercato).

â–º EQUITA SIM SCOMMETTE SUI TITOLI FINANZIARI

La banca svizzera ha però alzato il target di Ubi Banca a 3 euro da 2,9 euro, confermando il giudizio “underperform”. Gli esperti dell’istituto bancario elvetico continuano a evidenziare una view molto cauta sul comparto, nonostante le basse valutazioni dei titoli bancari italiani, in quanto manca la direzionalità in termini macro e di redditività.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>