Intesa Sanpaolo colloca obbligazioni tasso fisso a tre anni

di Lucia Guglielmi Commenta

Il Gruppo bancario quotato in Borsa a Piazza Affari è tornato sull’euromercato con un’emissione emissione benchmark senior non garantita per gli istituzionali avente un controvalore pari ad 1 miliardo di euro, ed una durata pari a tre anni.

Al fine di andare ad ottimizzare quella che è la gestione di tesoreria, il Gruppo bancario Intesa Sanpaolo è tornato sull’euromercato con una nuova emissione, la prima per una banca dell’eurozona, ed in particolare dei Paesi cosiddetti periferici, dopo il vertice Ue dei giorni scorsi.

Il Gruppo bancario quotato in Borsa a Piazza Affari è tornato sull’euromercato con un’emissione benchmark senior non garantita per gli istituzionali avente un controvalore pari ad 1 miliardo di euro, ed una durata pari a tre anni.



SPREAD TITOLI DI STATO AL NUOVO RECORD IN PORTOGALLO

Rispetto al target di 1 miliardo di euro, Intesa Sanpaolo ha registrato una domanda più che doppia, ovverosia oltre 2 miliardi di euro a fronte di un 70% circa di richieste, pari a complessivi 1,4 miliardi di euro, provenienti da parte di investitori istituzionali esteri.

RATING BANCHE E REGIONI SPAGNOLE TAGLIATO DA MOODY’S

In accordo con un comunicato ufficiale emesso in data odierna dal Gruppo Intesa Sanpaolo, il collocamento rientra nel programma EMTN, di Euro Medium Term Notes, della società quotata a Piazza Affari a fronte di una scadenza a tre anni ed il tasso fisso pari per l’emissione a quello di riferimento, il mid swap, più uno spread pari a 410 punti base. La cedola facciale è pari al 4,875% a fronte di un rendimento a scadenza che, considerando il prezzo di riofferta al 99,676%, è pari al 4,994% annuo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>