Titolo Banco Popolare promosso dagli analisti

di Stefania Russo Commenta

A Piazza Affari il titolo Banco Popolare stamane guadagna oltre quattro punti e mezzo percentuali a 1,673 euro..

A Piazza Affari il titolo Banco Popolare stamane guadagna oltre quattro punti e mezzo percentuali a 1,673 euro, mettendo a segno la migliore performance dell’Ftse Mib nonostante la forte perdita registrata nel corso del 2011 e la mancata distribuzione del dividendo.

Il rialzo registrato stamane dal titolo è stato ricondotto dagli analisti ai risultati migliori delle previsioni per quanto riguarda il 2011 e all’outlook positivo sull’esercizio in corso.

BANCO POPOLARE HA UN NUOVO MODELLO ORGANIZZATIVO

Gli esperti a riguardo hanno sottolineato gli accantonamenti inferiori rispetto alle previsioni e una svalutazione dell’avviamento che non ha avuto effetti sui coefficienti patrimoniali, come dimostra il Core Tier 1 al 7,1%. Inoltre, per quanto riguarda il capitale, la banca ha assicurato che riuscirà a soddisfare i requisiti previsti senza dover ricorrere alla conversione di bond e senza la necessità di ulteriori emissioni sui mercati istituzionali, ma semplicemente adottando modelli più avanzati.

BANCHE ITALIANE BOCCIATE DA FITCH

Il titolo beneficia anche della valutazione positiva arrivata dalla maggior parte delle banche d’affari dopo la diffusione dei conti 2011. Diversi analisti hanno infatti deciso di alzare il target price sul titolo, in particolare gli esperti di Intermonte hanno portato il prezzo obiettivo da 1,80 a 1,90 euro, gli esperti di Nomura da 1,10 a 1,30 euro, quelli di Natixis da 1,32 a 1,44 euro e quelli di Exane Bnp Paribas a 1,40 euro.

A fronte di ciò, inoltre, non sono escluse nel corso dei prossimi mesi revisioni al rialzo da parte del consenso sulle stime relative ai ricavi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>