Telecom Italia in calo per inchiesta sim false

di Stefania Russo Commenta

A Piazza Affari il titolo Telecom Italia segna nel primo pomeriggio una flessione dello 0,83% a 0,906 euro, dopo...

A Piazza Affari il titolo Telecom Italia segna nel primo pomeriggio una flessione dello 0,83% a 0,906 euro, dopo aver perso nel corso della mattinata oltre un punto percentuale, sulla scia della notizia dell’inchiesta aperta dalla Procura di Milano e che vede la compagnia telefonica italiana accusata di violazione della legge 231 sulla responsabilità oggettiva di aziende e persone giuridiche.

Tra gli indagati figurano l’amministratore delegato Marco Patuano e un centinaio di persone tra manager e dipendenti della società.

TAGLIO DIVIDENDO 2012 TELECOM ITALIA APPREZZATO DAGLI ANALISTI

L’avviso di garanzia notificato a Patuano, tuttavia, è riconducibile al fatto che in virtù del ruolo ricoperto all’interno dell’azienda risulta responsabile ai sensi della legge sopra citata. I fatti contestati, infatti, risalgono al periodo compreso tra il 2001 e il 2008, ossia quando Patuano non era ancora amministratore delegato di Telecom.

TELECOM ITALIA INVESTIMENTI PER OLTRE 9 MILIARDI

Ad iscrivere Patuano e gli altri manager e dipendenti di Telecom nel registro degli indagati sono stati i pubblici ministeri Massimo Carducci e Francesco Tajani che, nell’ambito di un’inchiesta riguardante milioni di carte prepagate “fantasma” e che va avanti ormai da più di un anno, accusa la compagnia telefonica italiana di ingiusto profitto (quantificato in circa 230 milioni di euro soltanto per l’anno 2008) derivante da alcune irregolarità nella vendita delle sim.

Secondo le prime indiscrezioni i reati ipotizzati sarebbero quelli di associazione per delinquere, ricettazione e falso, mentre non è invece ipotizzato il reato di truffa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>