Azioni Borsa Piazza Affari a prezzi stracciati

di Filadelfo Scamporrino Commenta

Le quotazioni dei titoli bancari italiani appaiono oggettivamente sacrificate, ma nessuno ad oggi è pronto a scommettere su quando si toccherà il fondo. Al panico sulla Borsa di Milano s’è infatti aggiunta la frustrazione degli investitori, grandi e piccoli.

Unicredit sotto quota 0,80 euro, Intesa Sanpaolo sotto 1 euro per azione, e Banca MPS sotto i 0,40 euro. Sono questi alcuni dei prezzi “da saldo” attualmente presenti sul FTSE MIB, l’indice dei titoli ad elevata capitalizzazione quotati a Piazza Affari.

Le quotazioni dei titoli bancari italiani appaiono oggettivamente sacrificate, ma nessuno ad oggi è pronto a scommettere su quando si toccherà il fondo. Al panico sulla Borsa di Milano s’è infatti aggiunta la frustrazione degli investitori, grandi e piccoli.



Il tutto a fronte della decisione di bloccare le vendite allo scoperto che non ha sortito alcun effetto nel fermare l’emorragia dei corsi azionari. Ma cosa sconta il mercato? Qual è il peggiore degli scenari possibili? Ebbene, chiaramente il default dell’Italia sarebbe un disastro, ma nessuno lo vuole in Europa, ed anzi nessun Paese del Vecchio Continente, Germania compresa, se lo può permettere.

TITOLI SETTORE BANCARIO BOCCIATI DA CREDIT SUISSE

Più probabile sembra invece il default della Grecia a seguito di un PIL in forte contrazione e di un risanamento dei conti pubblici ellenici che procede con il freno tirato. Al punto che la Germania, stando ai rumors di questi ultimi giorni, starebbe iniziando a valutare quale impatto avrebbe il default della Grecia sulle principali banche tedesche.

TITOLI SETTORE BANCARIO BOCCIATI DA MORGAN STANLEY

Certo, anche la politica italiana ha delle responsabilità di breve ma anche di lungo periodo se si è arrivati a questo punto. Il nostro Paese ha vissuto dall’introduzione dell’euro al di sopra delle sue possibilità, sfruttando proprio l’ombrello della moneta unica. Ed ora il mercato sta presentando un conto che sarà salato, salatissimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>