Chiusura trattative Eni Petrobras per cessione Galp

di Stefania Russo Commenta

Le indiscrezioni di stampa circolate nei giorni scorsi e che avevano causato un calo del titolo Eni a Piazza Affari si sono rivelate fondate. Petrobras..

Le indiscrezioni di stampa circolate nei giorni scorsi e che avevano causato un calo del titolo Eni a Piazza Affari si sono rivelate fondate. Petrobras, infatti, ha confermato di aver chiuso le trattative con Eni volte all’acquisto della quota del 33% in Galp Energia.

Il fallimento della cessione della quota detenuta in Galp, tuttavia, sembra non preoccupare affatto il colosso energetico italiano. A dimostrarlo è stato l’amministratore delegato Paolo Scaroni, il quale ha confermato che l’azienda non ha alcuna fretta di cedere la partecipazione detenuta in Galp, soprattutto alla luce del fatto che fino ad ora si è rivelata un ottimo investimento per Eni.


Dal 2000 a oggi, infatti, la partecipazione in Galp ha consentito ad Eni di generare ricavi pari a un miliardo di euro, senza contare la rivalutazione della stessa partecipazione e che secondo le ultime stime al momento supera i 3 miliardi di euro.

Questo, tuttavia, non vuol dire che Eni abbia rinunciato a cedere la partecipazione in Galp. Lo stesso Scaroni, infatti, ha confermato che la cessione verrà attuata nel momento in cui Eni riceverà un’offerta considerata adeguata.

L’amministratore delegato ha spiegato che le trattative con Petrobras sono cessate perchè le due società non sono riuscite a trovare un accordo in merito agli elementi essenziali della transazione. Tra questi con ogni probabilità figura il corrispettivo per la cessione, in quanto le indiscrezioni circolate la scorsa settimana parlavano di divergenze riguardo al prezzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>