Fiat accordo con Mazda per nuovo spider Alfa Romeo

di Redazione Commenta

Inizio di seduta positivo per il titolo Fiat a Piazza Affari. Le azioni della casa automobilistica torinese mostrano un progresso dell’1,16% a 4,552 euro, che fa seguito al boom di ieri del 6,18%. Il titolo è salito fino a toccare un massimo intraday a 4,584 euro

Inizio di seduta positivo per il titolo Fiat a Piazza Affari. Le azioni della casa automobilistica torinese mostrano un progresso dell’1,16% a 4,552 euro, che fa seguito al boom di ieri del 6,18%. Il titolo è salito fino a toccare un massimo intraday a 4,584 euro, ovvero il livello più alto registrato da fine settembre scorso. Dopo l’annuncio dello scorso 23 maggio, Fiat ha firmato l’accordo definitivo con Mazda per produrre una spider a due posti per l’Alfa Romeo.

L’auto sarà prodotta nello stabilimento della società giapponese di Hiroshima, ma solo a partire dal 2015. Il nuovo spider dell’Alfa Romeo sarà sviluppato per il mercato globale sulla base dell’architettura dell’MX-5 di prossima generazione. Secondo i termini dell’intesa, Fiat e Mazda svilupperanno due vetture a trazione posteriore e distinte nel design. L’accordo con Mazda consentirà alla società del Lingotto di offrire una variante tecnologicamente più avanzata e moderna del classico spider Alfa Romeo.

VENDITE AUTO IN EUROPA AI MINIMI DA 20 ANNI

Intanto ieri Sergio Marchionne, amministratore delegato di Fiat, ha dichiarato che quest’anno il mercato dell’auto in Europa resterà stabile dopo il crollo del 2012. Gli analisti di Intermonte, invece, stimano un nuovo calo del 3%. Marchionne ha sottolineato anche che la produzione della Jeep in Cina partirà tra 18 mesi e il target iniziale è di oltre 100mila auto.

MERCATO AUTO IN ITALIA TORNA AI LIVELLI DEL 1979

Inoltre, il numero uno del Lingotto ha dichiarato che nel giro di 3-4 anni è atteso il ritorno della piena occupazione in Italia, grazie al lancio di 17 nuovi modelli entro il 2016. Per quanto riguarda Chrysler, la decisione della Corte americana del Delaware sulla diatriba con il fondo Veba è attesa nel primo trimestre del 2013. Intermonte ha confermato il rating “neutral” sul titolo Fiat.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>