Geithner parla del futuro degli Usa, in arrivo nuove tasse

di Redazione Commenta

Resta il problema principale della disoccupazione...

I segnali di una ripresa dell’intera economia mondiale iniziano a vedersi ma da qui a tornare ad una situazione di normalità ci vorrà ancora molto tempo. Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, nei giorni scorsi aveva parlato di inizio della fine della recessione, e a fargli eco c’è anche il segretario al Tesoro americano, Timothy Geithner.

L’ex presidente della Federal Reserve, Alan Greenspan, lancia segnali incoraggianti
, annunciando che la crisi non è ancora finita, ma la fine di questo periodo è molto vicina. Sempre nella stessa intervista, rilasciata alla tv abc, Greenspan sostiene che dopo che l’economia degli Usa ha toccato il fondo, da metà luglio a questa parte si iniziano a vedere i primi segni di una ripresa.

Comunque, seppure i mercati finanziari sembrino rispondere bene alla crisi, resta il problema principale della disoccupazione, che anche negli Stati Uniti ha toccato livelli inimmaginabili solo qualche tempo fa.

Gli analisti a luglio stimavano una disoccupazione pari al 9,6%, risultato che non si registra da 26 anni. Proprio sulla scia di questo dato inquietante, Geithner ha dichiarato che potrebbe essere deciso di aumentare I sussidi per i disoccupati.

Ulteriore problema per l’America è il deficit che ormai ha superato quota 1.000 miliardi di dollari e Geithner non esclude l’indurimento della tassazione per ridurre il deficit statale, che sarà necessario anche perchè il governo americano è intenzionato ad introdurre una riforma sanitaria con prezzi molto alti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>