General Motors annuncia la bancarotta

by Redazione 2

E’ stato reso ufficiale attraverso un comunicato del governo degli USA il fallimento di General Motors e ora iniziano le pratiche burocratiche per dichiarare la bancarotta.

E’ stato reso ufficiale attraverso un comunicato del governo degli USA il fallimento di General Motors e ora iniziano le pratiche burocratiche per dichiarare la bancarotta. Il governo americano ha dichiarato che la General Motors porterà in tribunale i bilanci per una procedura giudiziaria che dovrebbe durare dai 2 ai 3 mesi e che vedrà coinvolti ben 21’000 lavoratori che saranno lasciati a casa.

Saranno ben 11 gli impianti di produzione che cesseranno di lavorare nell’ambito della bancarotta, mentre sono 3 gli impianti in cui la produzione si interromperà temporaneamente.

Un funzionario del governo americano ha anche dichiarato che gli USA sono disposti a fornire a GM ulteriori 30.1 miliardi dollari, dopo i 20 già versati in un primo momento. Questo aiuto governativo fa sì che il governo americano diventi il maggiore azionista di GM con ben il 60% delle azioni.

Anche il Canada e la provincia dell’Ontario fanno parte della ristrutturazione GM, infatti verseranno 9.5 miliardi di dollari ottenendo il 12% del capitale.

Il 10% delle azioni andrà a chi possiede obbligazioni e ha sottoscritto il piano di ristrutturazione, mentre il 17% andrà nei fondi pensione GM.

Quando in Italia saranno le 18.00, ossia il mezzogiorno americano, il presidente Barack Obama farà un discorso pubblico riguardo la vicenda. Stando alle ultime indiscrezioni Obama dovrebbe portare come esempio il caso Chrysler, altra azienda dichiarata in stato di bancarotta lo scorso aprile. Un funzionario del governo ha riconosciuto che la situazione GM sia più complicata di quella di Chrysler, tuttavia il processo di bancarotta dovrebbe durare massimo 90 giorni.

Comments (2)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>