Home equity loans e carte di credito i principali debiti degli americani

di Redazione Commenta

La disoccupazione negli Usa è ai massimi livelli da 26 anni a questa parte...

I numeri che giungono dagli Stati Uniti sono ancora molto preoccupanti per quanto riguarda la crisi economica che ha colpito il mondo intero ad iniziare dallo scorso anno. Infatti, secondi i dati diffusi dall’American Bankers Association gli americani pagano sempre più in ritardo le rate per le carte di credito ed i mutui.

Nei primi tre mesi del 2009 si è segnato un ulteriore record negativo, sono state infatti ben il 6,6% le inadempienze nel pagare le rate delle carte di credito, il trimestre precedente erano state il 5,52%.

In America sono molto popolari anche i cosiddetti home equity loans, ossia prestiti stanziati in base al valore della propria casa, e pure questa tipologia di finanziamento sta avendo moltissimi ritardi nei pagamenti. Tra l’altro da notare che gli home equity loans sono passati dal 3,03% al 3,52%.

Da segnalare anche che i rimborsi sulle linee di credito della casa hanno fatto segnare ritardi dell’1,89% contro l’1,46% dell’ultimo trimestre dello scorso anno.

I cittadini americani, a fine marzo hanno fatto segnare numeri molto preoccupanti, sono stati ben 939,6 i miliardi di dollari non ancora pagati per le carte di credito, questa cifra secondo la Federal Reserve è molto pericolosa. James Chessen, Chief Economist dell’American Bankers Association, afferma che i consumatori tendono ad usare la carta di credito come ancora di salvezza per i bisogni di tutti i giorni fino a quando si trova un nuovo lavoro.

La disoccupazione negli Usa è ai massimi livelli da 26 anni a questa parte, con un tasso del 9,5% e 6,5 milioni di posti di lavoro persi dal 2007 ad oggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>