Marchionne ribadisce l’importanza degli incentivi per il futuro di Fiat

di Gianni Puglisi 3

Ieri nel corso della presentazione della nuova Punto Evo Sergio Marchionne ha ribadito ancora una volta quanto già affermato qualche settimana..

Ieri nel corso della presentazione della nuova Punto Evo Sergio Marchionne ha ribadito ancora una volta quanto già affermato qualche settimana fa e ciòè che se il governo non rinnova gli incentivi alla rottamazione anche nel 2010 il settore dell’auto tornerà ad essere in crisi.

La mancanza di incentivi, secondo l’amministratore delegato Fiat, comporterebbe infatti una riduzione drastica delle vendite e la chiusura degli stabilimenti, accompagnata da licenziamenti e da tutte le conseguenze del caso.


Per spiegare il suo punto di vista e l’assoluta necessità degli incentivi, quindi, Marchionne non ha usato mezzi termini, ha detto a chiare lettere quelle che sono le sue previsioni. Ma le parole dure di Marchionne non sono rivolte solo al governo italiano ma all’intera Europa perchè a sua avviso l’esigenza di non far ricadere nella crisi il settore dell’auto è un qualcosa che riguarda tutti i paesi europei.


A tale riguardo il numero uno di Fiat si è detto d’accordo con Tremonti affermando che è necessaria una risposta cordinata a livello europeo. Tra i paesi che fanno parte dell’Unione Europea la Francia ha già fatto sapere di essere intenzionata a continuare a sostenere il settore e anche l’Inghilterra ha mostrato intenzioni analoghe. Per l’Italia, quindi, non avrebbe senso tirarsi indietro.

Marchionne, in particolare, ha spiegato che se verranno concessi gli incentivi e la domanda continuerà ad andare bene Fiat si troverà nella condizione di poter compiere delle scelte strategiche relative al collocamento di prodotti negli stabilimenti italiani. In caso contrario, invece, si avranno gravi ripercussioni a livello europeo.

Fiat, in particolare, prevede che nel 2010 la quota di mercato in Europa potrebbe andare oltre il 9%, ma tutto dipenderà dalla decisione del governo in merito agli incentivi.

Commenti (3)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>