Dividendo 2013 De’Longhi esercizio 2012

di Filadelfo Scamporrino Commenta

L’ultimo trimestre dello scorso anno è stato inoltre chiuso da De’Longhi S.p.A. con un fatturato a +4,9% a 541,3 milioni di euro a fronte di un Ebitda a 93,9 milioni di euro prima degli oneri non ricorrenti.

Una cedola unitaria di 0,29 euro per azione corrispondente ad un pay-out ratio pari al 37%. E’ questo l’ammontare del dividendo sull’esercizio 2012 che il Consiglio di Amministrazione della società quotata in Borsa a Piazza Affari De’Longhi S.p.A. proporrà all’Assemblea degli Azionisti. Questo dopo che De’Longhi S.p.A. ha chiuso l’esercizio 2012 con un fatturato in crescita anno su anno del 7% a 1.530,1 milioni di euro a fronte di un Ebitda che, prima degli oneri non ricorrenti, si è attestato al 15,2% dei ricavi.

Bene anche l’Ebit a 189 milioni di euro, con un incremento anno su anno del 9,6%, e l’utile netto di competenza del Gruppo che è passato dai 93,9 milioni di euro al 31 dicembre del 2011 ai 118 milioni di euro al 31 dicembre del 2012.



TITOLI AZIONARI CONSIGLIATI DA EXANE BNP PARIBAS

L’ultimo trimestre dello scorso anno è stato inoltre chiuso da De’Longhi S.p.A. con un fatturato a +4,9% a 541,3 milioni di euro a fronte di un Ebitda a 93,9 milioni di euro prima degli oneri non ricorrenti, e di un Ebit a 84,5 milioni di euro con un aumento anno su anno pari al 20,8%. Per quel che riguarda l’evoluzione prevedibile della gestione, la società confida di poter andare avanti nel proprio percorso di crescita nonostante permangano nei principali mercati di riferimento delle condizioni e degli elementi di incertezza.

AZIONI SU CUI INVESTIRE IN CASO DI RECESSIONE

In particolare, anche per il 2013 la società farà leva sul proprio posizionamento competitivo, sul know-how industriale e su una buona esposizione sia in quelle nicchie di business con elevati tassi di crescita, sia nei mercati emergenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>