Commissione Ue, Ok a rinvio pareggio bilancio italiano, ma continuare le misure di rafforzamento

di Carlo Valuta Commenta

Nell’ambito della revisione periodica dei programmi economici dei paesi membri dell’Eurozona, la Commissione europea ha rivolto raccomandazioni a 26 Paesi dell’Unione (esclusi Cipro e Grecia che stanno attuando programmi di aggiustamento economico) tra i quali l’Italia che si è posta l’obiettivo di un pareggio di bilancio strutturale entro il 2016.

L’aggiustamento strutturale (ricalcolato) previsto nel programma è di 0,2 punti percentuali del PIL nel 2014 e di 0,4 punti percentuali nel 2015. “Nel programma – commenta la Commissione – questo modesto aggiustamento verso l’obiettivo a medio termine è giustificato dalle gravi condizioni economiche e dagli sforzi necessari per attuare un ambizioso programma di riforme strutturali spiega Fta On line. L’aggiustamento strutturale previsto permetterebbe  all’Italia di rispettare il parametro della riduzione del debito nel  periodo 2013-2015, anche grazie a un ambizioso programma di privatizzazioni previsto per il periodo 2014-2017 (pari a 0,7 punti percentuali di PIL ogni anno).

Le possibili reazioni dei mercati, alle decisioni di politica monetaria

Non convalidato da un organismo indipendente – evidenzia la Commissione – lo scenario macroeconomico sul quale si fondano le proiezioni del programma è leggermente ottimistico, in particolare per quanto riguarda gli ultimi anni del programma”. “Il raggiungimento degli obiettivi di bilancio – aggiunge la Commissione – non è totalmente suffragato da misure sufficientemente dettagliate, soprattutto a partire dal 2015.

>Nouriel Roubini, Nobel per l’economia avverte su possibile bolla del credito

 

Il rapporto continua spiegando che le previsioni di primavera 2014 della Commissione indicano una non conformità con il parametro di riferimento della riduzione del debito nel 2014 poiché l’aggiustamento strutturale prospettato (soltanto 0,1 punti percentuali del PIL) è inferiore all’aggiustamento strutturale richiesto di 0,7 punti percentuali del PIL”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>