Spread Btp-Bund sopra 500 su incertezze Bce

di Redazione Commenta

Proprio ieri il Presidente del Consiglio e Senatore a vita ha ribadito come i mercati ad oggi non abbiano scontato le misure di risanamento messe in atto nel nostro Paese, e come le finanze pubbliche italiane siano ora tra le più solide dell’area euro.

Tutto da rifare! La Bce ieri, stando alle parole di Mario Draghi, non ha ancora fissato le misure non convenzionali per intervenire e risolvere la crisi del debito dell’Eurozona. E così oggi, dopo l’impennata della vigilia, lo spread Btp-Bund si è riportato sopra la soglia critica dei 500 punti base.


Questo dopo che nei giorni scorsi per il differenziale Italia-Germania c’era stato un calo anche in scia alle parole del Premier Monti che, pur affermando che l’Italia non ha bisogno di alcun salvataggio, non aveva escluso categoricamente il riscorso al cosiddetto scudo antispread.



SETTORE BANCARIO IN RIALZO PER GARANZIE DELLO STATO SULLE BANCHE

Proprio ieri il Presidente del Consiglio e Senatore a vita ha ribadito come i mercati ad oggi non abbiano scontato le misure di risanamento messe in atto nel nostro Paese, e come le finanze pubbliche italiane siano ora tra le più solide dell’area euro.

ASTE TITOLI DI STATO 2012

Come mai allora i mercati sono sordi a tutto ciò? Ebbene, la speculazione continua di certo a regnare sovrana, così come l’Italia paga l’effetto trascinamento della Spagna, che ad oggi è messa decisamente peggio di noi a partire dalla solidità del sistema bancario iberico. Con la conseguenza che lo spread tra Spagna e Germania, sulla curva a dieci anni, è nuovamente balzato oltre la soglia d’allarme dei 600 punti base.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>