Investire in oro

di Francesco Di Cataldo 15

Eppure ancora oggi investire nell'oro rappresenta una via certa, in grado di fornire al risparmiatore sicurezza e stabilità..

Materia prima. Valuta. Oggetto d’investimento. La storia dell’oro è lunga decine di secoli. Eppure ancora oggi investire nell’oro rappresenta una via certa, in grado di fornire al risparmiatore sicurezza e stabilità. Mentre il potere di acquisto di moltissime valute è diminuito nel corso dell’ultimo secolo, quello dell’oro è rimasto stabile e poco sensibile alle fluttuazioni internazionali e agli scossoni dovuti ad assestamenti geo-politici. Insomma, l’oro – secondo molti economisti – protegge gli investimenti fatti nel lungo periodo, superando indenne sia periodi inflazionistici che deflazionistici.



Investire nell’oro non significa solo acquistare lingotti o monete d’oro. L’oro è quotato in borsa e sono diversi gli strumenti finanziari a disposizione che permettono di puntare sulle variazioni del prezzo dell’oro. I Covered Warrants sono dei derivati e tra gli emittenti più importanti figura Goldman Sachs. A Piazza Affari sono decine i covered warrants che consentono di scommettere sul rialzo o sul ribasso del prezzo dell’oro sfruttando l’effetto leva, un effetto che consente di amplificare i guadagni (così come le perdite) rispetto alle variazioni del prezzo dell’oro stesso.

Oltre i covered warrants, esistono i Leverage Certificates che, come i primi, possono contare sull’effetto leva e permettere guadagni fino a 10 volte il prezzo sottostante, o gli Investment Certificates: non usufruiscono dell’effeto leva e non permettono di scommettere al ribasso. Infine, abbiamo i fondi, in particolare l’ETF (Exchange Traded Funds ) e l’ETC (Exchange Trade Commodities), fondi che permettono anche ai piccoli risparmiatori di investire sulle materie prime, oro compreso.

Anche in questo caso, come nel caso dei certificates, si sfrutta l’andamento del prezzo del bene senza alcun effetto leva. I due ETF più scambiati in Borsa sono l’Etfs Gold (indice sottostante: Dow Jones-AIG Gold Sub-Index) e il LyxOR Gold Bullion che ha come sottostante 1/10 oncia troy di oro.

Come per tutti gli strumenti finanziari il rischio d’investimento è legato al rendimento. Maggiore è questo rispetto al rischio, maggiore sarà il guadagno che è possibile realizzare. I fondi, in particolare l’Etfs Gold garantisce una buona liquidità, ha costi contenuti e in ogni caso inferiori alla compravendita dell’oro. L’unico svantaggio è l’eccessiva volatilità delle sue quotazioni, anche se pur sempre inferiore rispetto alle quotazioni degli altri comparti azionari.

Antonio Consoli

Commenti (15)

  1. Fare speculazioni sull’oro è diventato un nuovo trend grazie ai servizi telematici e ai brokers online che permettono di fare una leva finanziaria molto elevata, che comporta anche rischi molto elevati.
    Il mercato dell’oro è molto volatile, ma nulla in confronto a quello dell’oro nero.
    Gianni

  2. ciao a tutti. Sicuramente l’oro in questo lungo periodo di crisi finanziaria è stato un ottimo riparo per moltissime persone.
    Il valore commerciale è schizzato alle stelle superando di gran lunga il suo valore commerciale storico. Posso solo dire che investire nell’oro
    è il migliore investimento che si possa fare. Ricordo che l’oro è la materia prima che si avvicina di più al denaro.
    Per investire nell’oro ci sono diversi modi, bisogna valutare attentamente dove investire, sono diverse le aziende di esportazione e di commercio
    di oro sotto diverse forme monete è lingotti ma non sono tutte uguali.
    Io personalmente mi sto appoggiando a una azienda che commercia oro in tutto il mondo e mi trovo veramente bene.
    Spero che il suo valore continua a cresce sempre di più anche se si sa che questa salita non potrà durare così per sempre.

  3. Io ho visto un articolo preoccupante sulle speculazioni che si fanno sull’oro

    _http://www.ragionpolitica.it/cms/index.php/20090306979/economia-internazionale/la-bolla-speculativa-nel-mercato-dell-oro.html

    se ciò che ho letto fosse vero una semplice vendita di parte delle riserve delle banche centrali porterebbe ad un collasso del valore dell’oro rovinando tutti i suoi investitori

  4. Investire in oro è possibile in svariati modi soprattutto quando si tratta di oro cartaceo e cioè per mezzo di azioni e certificati che nel caso di rialzi dell’oro danno convenienti guadagni. Nell’ultimo periodo è comunque da segnalare una certa tendenza da parte degli investitori di affidarsi ad investimenti in oro che permettano di entrare fisicamente in possesso dell’oro acquistato, anche se questo genere di investimento può essere più complicato da un punto di vista logistico dovendo provvedere o comunque sostenere un costo per la sua assicurazione e conservazione. Questa tendenza confermata da alcune vendite record registrate negli ultimi mesi è probabilmente anche il frutto di un clima d’incertezza che si protrae da un lungo periodo e che inevitabilmente presenta delle ricadute su tutti gli strumenti finanziari finalizzati agli investimenti anche quelli che si basano su beni che sembrano sicuri.

  5. In questo sito trovate il valore dell’oro in tempo reale. Vi servirà se vorrete investire nell’oro 🙂

  6. Ragazzi ma secondo voi l’oro è in bolla adesso? Leggo tantissimi siti che ne parlano e mi piacerebbe avere un vostro parere. Ho letto che tra i commenti ne parlavate (anche se datati) e nel caso ripassasse a controllare spero potrete darmi un vostro parere. Grazie.

  7. Scusate, io sono poco esperto. Che razza di investimento è un lingotto d’oro se quando ne avrò bisogno venderò dei frammenti ai “compro oro”? Quelli te lo pagano metà prezzo!! Altrimenti a chi venderlo ad un prezzo corretto?

    1. Per vendere un lingotto al prezzo pieno del momento è necessario che sia un lingotto certificato e ufficiale di quelli acquistati direttamente dai banchi metalli riconosciuti come venditori autorizzati di lingotti d’oro da investimento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>