Mercato auto 2012 si chiude con calo in doppia cifra

di Redazione Commenta

In termini di volumi siamo tornati al livello di oltre trenta anni fa a conferma di come la crisi economica abbia avuto in Italia un impatto devastante sulla capacità di spesa e di risparmio delle famiglie.

In linea con le attese il 2012 per il mercato dell’auto in Italia ha fatto registrare un calo in doppia cifra anno su anno. In accordo con quanto riportato dall’Unrae, l’Unione delle case automobilistiche estere che operano in Italia, il 2012 si chiude infatti con 1.402.089 immatricolazioni che fanno anno su anno un calo del 19,9%.

In termini di volumi per le immatricolazioni siamo tornati al livello di oltre trenta anni fa a conferma di come la crisi finanziaria ed economica abbia avuto in Italia un impatto devastante sulla capacità di spesa e di risparmio delle famiglie, e sulla propensione agli investimenti delle imprese.




IVECO PUNTA ALLA CINA

Con la conseguenza che non sono bastate le offerte promozionali e gli sconti delle case automobilistiche e dei concessionari di fronte anche alle restrizioni bancarie sull’accesso al credito, ed all’elevata pressione fiscale che in Italia pesa sempre di più sulle famiglie come sulle imprese. Adesso, dopo le elezioni, l’Unrae auspica che, per invertire questa pessima tendenza, il nuovo Governo che nascerà dal voto riveda quelli che sono in termini di redditività i bisogni della filiera dell’auto unitamente alla salvaguardia dei livelli occupazionali.

ORDINI AUTO AI MINIMI STORICI

Il tutto affinché il mercato dell’auto possa finalmente guardare al futuro con maggiore ottimismo da qui alla prossima primavera. Il Presidente dell’Unione ha non a caso posto l’accento sul fatto che la crisi ha portato ad un minor uso dell’automobile visto che, contestualmente, sono aumentati i costi per il carburante, per il bollo e per le assicurazioni obbligatorie di responsabilità civile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>