Prezzi petrolio corrono su ipotesi attacco Usa in Siria

di Nadia Fusar Poli Commenta

Qual è l’impatto di un possibile intervento militare degli Stati Uniti contro la Siria sui prezzi del petrolio? I venti di guerra accentuano le tensioni  e l’ipotesi di attacco alla Seria fa impennare i prezzi dell’oro nero. I mercati azionari, già particolarmente nervosi, hanno fatto registrare un sensibile crollo, affondando pesantemente sull’incertezza e la preoccupazione delle questioni geopolitiche e macroeconomiche (come i piani della Federal Reserve circa il “tapering” del quantitative easing, il programma di timolo da 85 miliardi di dollari al mese).Le borse europee sono scese del 3 per cento, mentre i principali indici a Londra e New York, hanno lasciato sul terreno circa l’1 per cento. L’indice Nasdaq ha perso oltre il 2 per cento. La prospettiva di un intervento armato in Siria – scenario sempre più probabile – ha impresso una brusca accelerazione ai prezzi del petrolio: il Brent è infatti balzato ai massimi di sei mesi, attestandosi a 114,36 dollari al barile.

Anche l’oro è salito bruscamente, insieme ai titoli di Stato di Stati Uniti, Regno Unito e Germania che, ritenuti un rifugio sicuro e nel più classico degli scenari pre-conflitto armato, hanno attirato una grande quantità di investimenti. I disordini in Medio Oriente – area da cui proviene un terzo dell’offerta di greggio mondiale –  e i timori di una maggiore volatilità si traducono in un serio rischio al rialzo per l’oro nero, mentre le eventuali e prolungate interruzioni di fornitura dai gasdotti potrebbero di spingere i prezzi del petrolio ai massimi registrati quest’anno, a quota $ 119.

Secondo gli strateghi di mercato la situazione siriana sta esacerbando la fuga degli investitori dai mercati emergenti. La rupia indiana – l’India  importa quasi il 80 per cento del suo petrolio – è caduta ad un altro minimo storico, con gli investitori ora preoccupati che l’aumento del prezzo del petrolio in Siria possa tradursi in un disavanzo delle partite correnti.

Questo è un momento difficile per gli investitori e gli analisti. I prezzi del petrolio sono aumentati di circa il 15 per cento dai minimi toccati nel mese di aprile e oltre al rischio geopolitico, potrebbero intervenire altri fattori (ad esempio la stagione degli uragani negli Stati Uniti le pressioni sulle forniture di petrolio che potrebbero mantenere i prezzi del petrolio a livelli elevati). Una ulteriore impennata dei prezzi del petrolio potrebbe aggravare le difficoltà economiche dell’Asia in un momento in cui i mercati emergenti della regione stanno focalizzando la propria attenzione Oltreoceano, preoccupati per gli sviluppi del programma di stimolo monetario degli Stati Uniti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>