Rinegoziazione dei mutui

by Redazione Commenta

Con l'avvio della convenzione tra le banche e il Ministero del Tesoro, da oggi le famiglie italiane..

 Parte dal primo settembre la possibilità di rinegoziare i mutui per coloro che, in passato, ne avevano sottoscritto uno a tasso variabile.

Con l’avvio della convenzione tra le banche e il Ministero del Tesoro, da oggi le famiglie italiane potranno avere un po’ più di ossigeno, dopo che si erano visti aumentare, a volte in maniera molto elevata, la rata del proprio mutuo, a causa della crisi dei subprime negli Stati Uniti.



Le banche avevano tempo fino al 29 agosto per inviare delle lettere, ai propri mutuatari, invitandoli a rinegoziare il proprio mutuo. Ed entro tre mesi tali soggetti dovranno accettare la rinegoziazione.

Da ieri primo settembre, le 200 banche che hanno aderito all’iniziativa di rinegoziazione dei mutui, promossa dal Ministro dell’Economia Giulio Tremonti, hanno iniziato a ricevere i primi clienti, i quali avranno possibilità di accedere alle nuove condizioni a partire dal primo gennaio 2009.

Ovviamente, la rinegoziazione non è un’operazione consigliata a tutti. L’Adusbef afferma che “il giudizio sulla rinegoziazione è che, se si fanno i conti, si va a pagare di più. Noi diciamo che può essere una soluzione buona per chi sta per perdere la casa e non puo’ pagare una rata da 900 euro ma può pagarne una leggermente più piccola, ad esempio da 750 euro”.

Infine, conclude l’Adusbef, “noi siamo un po’ perplessi sulla rinegoziazione, preferiamo la surroga, ovvero il cambiare banca per ottenere delle condizioni migliori.

E’ possibile scoprire tutte le novità sul decreto 112-2008 per la programmazione economica finanziaria per l’anno 2009.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>